menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Bigiotteria cinese

Bigiotteria cinese

Sequestrati 60mila euro di finti gioielli cinesi dalla polizia locale

I gioiellini avevano falsi marchi di grandi firme (Bulgari, Chanel, Tiffany, Cruciani) o il punzone "925" che caratterizza gli oggetti d'argento pur trattandosi di semplice nikel

L’unità antiabusivismo della polizia locale guidata dal comandante Tullio Mastrangelo ha sequestrato giovedì scorso circa 8.500 pezzi di bigiotteria contraffatta per un valore di circa 60mila euro. I gioiellini avevano falsi marchi di grandi firme (Bulgari, Chanel, Tiffany, Cruciani) o il punzone “925” che caratterizza gli oggetti d’argento pur trattandosi di semplice nikel.

L’indagine della polizia locale era partita da alcuni controlli effettuati presso il mercato di piazzale Martini. Su una bancarella regolare del mercato erano stati individuati diversi pezzi di bigiotteria falsi.

Gli agenti hanno seguito l’ambulante negli approvvigionamenti e sono arrivati a un negozio aperto anche alla vendita al dettaglio di via Settembrini e gestito da una coppia di origine cinese ma residente a Milano.

L’uomo, Z.G. di 50 anni, è risultato essere il titolare dell’attività ed è stato denunciato, insieme alla moglie, Z.X. di 48 anni, per ricettazione, contraffazione e frode.

Tutta la bigiotteria, con falso marchio (circa 7mila pezzi) o falso punzone d’argento (1.500 pezzi) era di provenienza cinese ma priva di fattura d’acquisto a comprovarne la provenienza, è stata sequestrata dagli agenti. L’operazione si inserisce fra le regolari e quotidiane attività di controllo che la Polizia locale effettua nei mercati e sulle attività commerciali anche per il contenimento della vendita abusiva e la diffusione di merci contraffatte.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento