Castano Primo, tagliano le gomme all'auto del sindaco. "Gesto mafioso, non mi spaventano"

Non è la prima volta che il sindaco è vittima intimidazioni: "Ho sempre denunciato"

Il sindaco di Castano Giuseppe Pignatiello

Per il momento non ha né un nome né un volto la persona che ha tagliato le gomme a Giuseppe Pignatiello, sindaco di Castano Primo (comune dell'hinterland Nord-Ovest di Milano). Il fatto è accaduto venerdì sera ed è l'ultimo di una lunga serie: "Saranno stati finora una decina le intimidazioni di vario genere che ho subito da quando sono sindaco", ha raccontato. E tutte le intimidazioni sono state denunciate, come l'ultima sulla quale stanno indagando i carabinieri.

Castano Primo, gomme tagliate al sindaco Pignatiello

Tutto è accaduto nella serata di venerdì 13 settembre quando il primo cittadino Dem, eletto per la seconda volta durante la tornata elettorale di primavera, si è trovato le ruote anteriore e posteriore sinistra tagliate. Il fatto è stato prima denunciato alle forze dell'ordine e successivamente, nella giornata di lunedì 16 settembre, è stato reso noto su Facebook attraverso un video.

"Questo è soltanto un gesto vile, codardo, una minaccia portata avanti da vigliacchi senza un briciolo di dignità", ha dichiarato Pignatiello. Il sindaco non vuole chinare la testa: "Le intimidazioni e le minacce non mi fermeranno mai".

Pignatiello minacciato, i precedenti

Non è la prima volta che il primo cittadino viene minacciato: "Una decina di volte hanno provato a spaventarmi, e per dieci volte ho denunciato — ha ricordato il sindaco —. Da quando mi minacciarono di morte dopo la ferma opposizione al raduno illegittimo, abusivo e incostituzionale di CasaPound a Castano Primo. Quando già danneggiarono la mia auto. O quando più volte ignoti effettuavano blitz davanti a casa mia a notte fonda, o quando lasciarono un biglietto di insulti davanti alla porta o peggio un oggetto non identificato già pronto per essere incendiato. Fino alla lettera anonima di insulti in Campagna elettorale. Disgustose intimidazioni, che non ho mai accettato, davanti a cui non ho mai abbassato la testa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questi mezzi da mafiosi non mi spaventano"

"Chiunque sia stato — ha concluso il sindaco —, sappia che io continuerò sempre a metterci la faccia, che questi mezzi da mafiosi non mi spaventano e che resterà sempre un essere senza coraggio e dignità. Io vado avanti, orgoglioso di ciò che sono e di ciò che faccio per Castano Primo.  Orgoglioso di sentire tutti voi, Castanesi, al mio fianco. Un invito a tutti voi, con il cuore: denunciate sempre, non lasciate mai che il silenzio vinca. Denunciamo insieme, perché insieme nessuno può fermarci".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ogni quanto bisogna pesarsi?

  • Milano, finti 'assistenti civici' comunali: la polizia denuncia due youtuber di The Show

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: 29 morti e 84 nuovi casi ma pochi tamponi

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: + 402 nuovi casi positivi su quasi 20mila tamponi

  • Bollettino Coronavirus a Milano e in Lombardia: 29 nuovi casi a Milano

  • Notte di sangue a Milano, maxi rissa nel cuore della movida: ragazzo accoltellato, è grave

Torna su
MilanoToday è in caricamento