menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un liceo milanese

Un liceo milanese

Stranieri discriminati: giudice del lavoro condanna ministero dell'istruzione

Da rifare le ultime graduatorie degli insegnanti

Tutte da rifare le graduatorie dei supplenti della scuola: il bando del 2014 escludeva ingiustamente gli stranieri non comunitari. Il tribunale del lavoro di Milano ha condannato il ministero a riaprire il bando per discriminazione. Il ricorso era stato presentato da Cub Scuola, Avvocati per Niente e Associazione studi giuridici sull'immigrazione.

Una legge del 2013 consente il lavoro nelle pubbliche amministrazioni agli stranieri lungo-soggiornanti, ai rifugiati politici, ai titolari di protezione sussidiaria, agli "altamente qualificati" e ai familiari stranieri di cittadini italiani, se questi posti di lavoro non implicano esercizio di pubblici poteri o non attengono alla tutela dell'interesse nazionale. Per il giudice del lavoro, il ministero dell'istruzione ha violato proprio questa legge.

E per di più è inspiegabile - sempre secondo il giudice del lavoro - come mai sia data preferenza agli insegnanti italiani anche per le cattedre di lingua straniera.

La conseguenza è che ora dovrebbero essere rifatte le graduatorie, con disagi prevedibili per circa 500 mila insegnanti già inseriti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento