menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Sono 17 anni che vivo con il rimorso", parla la guardia giurata che filmò Denise a Milano

A parlare è Felice Grieco, la guardia giurata che il 18 ottobre 2004 vide "una bambina somigliante a Denise Pipitone in compagnia di un gruppo di rom" e chiamò la polizia

"Purtroppo sono 17 anni che io vivo con il rimorso di non aver agito d'impulso, anche se sarei andato nell'errore. Quel giorno non me la sentii. In questi giorni sul web sono stato attaccato da molte persone per questa cosa. Tutti dicono che avrei dovuto prenderla e portarla via, che io essendo una guardia giurata avrei potuto farlo. Si sbagliano di grosso. Non potevo fare niente".

A parlare in una intervista ad Iceberg in onda su Telelombardia è Felice Grieco, la guardia giurata che il 18 ottobre 2004 vide "una bambina somigliante a Denise Pipitone in compagnia di un gruppo di rom" e chiamò la polizia. "Quella mattina verso le 12 il direttore della banca mi invitò ad allontanare un ragazzino che disturbava. Appena girato l'angolo mi trovai davanti un'altra bambina che colpì subito la mia attenzione, assomigliava molto a Denise Pipitone", ha detto Grieco. La piccola scomparve il 1° settembre 2004 a Mazara del Vallo (Trapani).

"Per me era proprio lei. Chiamai prima mia moglie, subito dopo la polizia - ha spiegato - chiesi di poter intervenire con una scusa, ma mi fu detto di aspettare il loro intervento. Feci anche il famoso video, mi dissi che almeno così avevano una faccia da riconoscere, da controllare. Per trattenere il gruppo di rom chiesi alla bimba se volesse mangiare qualcosa, mi rispose: una pizza. La polizia arrivò molto tardi, quella mattina ci fu un omicidio al Niguarda. Il gruppo con la bambina si allontanò. La bambina parlava perfettamente italiano".

"Mi ricapita sempre di guardare il video che ho girato. Quando si tratta di Denise. Sono 17 anni che vivo con il rimorso di non aver fatto di testa mia. Sarebbe bastato che la Polizia mi avesse detto di fermarla, ma mi fu detto assolutamente no, lei non ferma nessuno. Tempo dopo - ha concluso Grieco - incontrai a Milano Piera Maggio (la madre, ndr), proprio sul luogo della mia segnalazione. Si arrabbiò molto con me. La capisco". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Attualità

Un uomo è rimasto incastrato col pene nel peso di un bilanciere

Coronavirus

Lombardia zona gialla: cosa potrebbe riaprire dal 26 aprile

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento