menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Hsni e l'aggressione in Centrale

Hsni e l'aggressione in Centrale

Militari e agente accoltellati in Centrale: ecco la condanna per Hosni, con il "vizio di mente"

Per il ventunenne tunisino è arrivata una condanna a sette anni di carcere. Tutti i dettagli

Sette anni da scontare in carcere. E altri tre, una volta libero, in una comunità. È arrivata la condanna per Ismail Tommaso Hosni, il ventunenne italo tunisino che lo scorso 18 maggio si era ribellato ad un normale controllo in stazione Centrale a Milano e aveva accoltellato due militari dell'esercito e un poliziotto

Nel processo, svolto con il rito abbreviato, il pm Maura Ripamonti aveva chiesto dieci anni per il ragazzo, accusato di tentato omicidio, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Nella sua sentenza, però, il gup Roberta Nunnari ha "diviso" la condanna - sette in cella, tre in comunità - e ha riconosciuto al giovane un vizio parziale di mentre, accertato da una perizia.

La follia in Centrale: "Non ricordo"

I dottori, infatti, avevano diagnosticato ad Hosni un "vizio parziale di mente" con un "ritardo", anche se avevano certificato che il tunisino è "capace di stare in giudizio". La sua difesa, invece, aveva puntato sempre sull'incapacità totale di intendere e di volere, chiedendo l'assoluzione e il conseguente ricovero in una comunità terapeutica per essere curato

Video | La folle aggressione di Hosni in Centrale

Hosni - fermato dopo il raid in Centrale proprio dalle tre vittime, rimaste tutte ferite -, non aveva saputo dare una spiegazione di quella follia. "Ho rubato quei due coltelli — aveva detto — perché in stazione c’erano delle persone che volevano farmi del male, per difendermi. Ricordo - erano state le sue parole - che ero in stazione, ma non ricordo nulla dell’aggressione, quando mi sono svegliato avevo il sangue sulle mani. Quel giorno avevo assunto cocaina". 

Il terrorismo e la violenza in cella

Il ventunenne, che per gli investigatori era all'inizio di un percorso di radicalizzazione islamica, è anche indagato - ma l'inchiesta va verso l'archiviazione - per terrorismo internazionale, dopo che gli investigatori avevano trovato nel suo profilo Facebook video inneggianti alle azioni dello Stato islamico. 

In una terza inchiesta, invece, il ventunenne è "parte lesa" perché - come denunciato dal suo avvocato durante l'ultima udienza - in carcere Hosni sarebbe stato violentato
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione, la decisione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento