Imbrattano treni e metro': 9 denunciati, erano anche spacciatori. Come agivano

Durante le perquisizioni disposte dal Pubblico Ministero di Milano gli inquirenti hanno trovato 12 chili di hashish e marijuana, fra questi una coltivazione di 27 piante

I writer al lavoro

Sono 9 gli indagati nell’ambito di un’indagine della polizia locale sul writing vandalico, tutti presumibilmente appartenenti a una delle più importanti e cruente crew, la We Can All ("Possiamo tutto"). I risultati della operazione sono stati dati da Palazzo Marino lunedì pomeriggio.

Durante le perquisizioni disposte dal Pubblico Ministero di Milano, Elio Ramondini, gli inquirenti hanno trovato 12 chili di hashish e marijuana, fra questi una coltivazione di 27 piante, pari a oltre 5 chili di foglie, con lampade e timer. Tutti gli indagati sono italiani, otto sono lombardi (nel video sottostante, ecco come agivano).

Le indagini, partite da Milano due anni fa ed effettuate dal nucleo antiwriter guidato dal comandante Antonio Barbato, sono state estese in tutta Italia e hanno visto la collaborazione delle Polizia locali di Piacenza, Arese, Monza, Camparada, Segrate, Reggio Emilia, Opera oltre che dei Carabinieri di Catania.

Gli indagati si erano già resi autori di numerosi imbrattamenti a muri, stazioni ferroviarie e treni della metropolitana e per queste attività avevano tutti dei precedenti. La droga è stata trovata a seguito di otto perquisizioni presso alcuni membri della crew italiana ma con collegamenti in tutta Europa a Segrate, Reggio Emilia e Opera.

Oltre alla droga gli inquirenti hanno sequestrato bombolette, maschere, marcatori, tablet, telefoni cellulari, macchine fotografiche e un modellino di treno coperto delle tag tipiche della crew. "Come si è già avuto modo di vedere in più di una occasione - ha dichiarato il comandante Antonio Barbato - dietro alle attività dei writers talvolta si nascondono fenomeni criminali più gravi come lo spaccio di sostanze stupefacenti. La Polizia Locale di Milano è particolarmente impegnata sul fronte della tutela del decoro urbano molto importante per la percezione della sicurezza urbana".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, spacca vetrata all'Esselunga e cerca di rubare i soldi dalle casse: preso

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • Coronavirus, dal 27 novembre la Lombardia vuole diventare zona arancione. Cosa cambia

  • Violenza sessuale a Milano, ragazza stuprata dal cugino del padre: "Se parli ti taglio la testa"

Torna su
MilanoToday è in caricamento