rotate-mobile
Cronaca

Atto vandalico contro una 'pietra d'inciampo' a Milano: "E' stato un atto di antisemitismo"

L'iniziativa, per ricordare le vittime del fascismo, attraverso il più grande monumento diffuso

E' stata vandalizzata una delle "pietre d'inciampo" posate giovedì scorso lungo le strade milanesi. L'iniziativa, per ricordare le vittime del nazifascismo, attraverso il più grande monumento diffuso d’Europa dedicato ai deportati nei lager.

Una delle prime sei pietre è stata imbrattata con della vernice nera nella notte fra venerdì e sabato. Si tratta di quella posata in via Plinio e dedicata a Dante Coen, deportato ad Auschwitz ed ucciso a Buchenvald. A dare l'allarme è stata la figlia Ornella, che - insieme con la famiglia - si è incaricata della pulizia del sampietrino in ottone. "Vediamo quanto dura - ha commentato - ma se risuccede ripulisco. Sicuramente è stato un atto di antisemitismo".

DOVE SONO LE PIETRE A MILANO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Atto vandalico contro una 'pietra d'inciampo' a Milano: "E' stato un atto di antisemitismo"

MilanoToday è in caricamento