rotate-mobile
Cronaca

L'immigrato tornato regolare "grazie" a una crisi in famiglia

L'uomo aveva commesso reati in coincidenza di una crisi coniugale e gli era stato tolto il permesso di soggiorno. Che ora gli viene restituito

Una crisi coniugale ha "salvato" un immigrato nordafricano che si era visto revocare il permesso di soggiorno. E che - da clandestino - si è trasformato quindi in cittadino regolare in Italia. E' la curiosa storia giudiziaria riferita dal "Corriere".

All'uomo, da più di vent'anni nel nostro Paese, quattro anni fa è stato revocato il permesso di soggiorno, nonostante un lavoro onesto, per avere rimediato due condanne - dal 2004 al 2006 per lesioni e minacce.

Il Tar ha però ribaltato la decisione, riconoscendo che in quel triennio la condotta deprecabile di M.M.Z. era stata dovuta a una profonda e improvvisa crisi coniugale: secondo la ricostruzione dei giudici amministrativi, infatti, l'uomo si è trovato senza più poter contare sulla sua famiglia (moglie e due figli) e pertanto ha commesso errori. Ma poi è tornato a una "condotta priva di qualsiasi episodio antisociale".

Insomma: non è un cittadino pericoloso, quindi merita che il permesso di soggiorno non gli venga tolto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'immigrato tornato regolare "grazie" a una crisi in famiglia

MilanoToday è in caricamento