Stoccaggio di rifiuti e incendi: sequestro da 2 milioni di euro (e 600 tonnellate di spazzatura)

Denunciata una donna residente nella provincia di Milano. L'operazione dei militari del Noe

I militari nell'impianto

Un impianto di stoccaggio rifiuti in via XX Settembre a Limbiate sequestrato con tutte le sue circa 600 tonnellate di rifiuti (imballaggi misti, materiali inerti, carta da macero e rottami ferrosi). Ma anche un autocarro, due rimorchi e quattro mezzi meccanici utilizzati per la movimentazione e lo stoccaggio, il tutto per un valore complessivo stimato di circa 2 milioni di euro. E una donna denunciata.

È l'ultimo risultato della continua azione di prevenzione e contrasto al fenomeno dello stoccaggio illecito di rifiuti - che finiscono spesso per essere incendiati - del Comando carabinieri per la Tutela Ambientale.

Dopo il sequestro, negli scorsi mesi, di una dozzina di capannoni industriali adibiti a discariche abusive stipati con oltre 15mila tonnellate di rifiuti, in prevalenza plastici, nell'ambito delle attività di contrasto al fenomeno degli incendi ai danni di rifiuti i carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Milano hanno individuato un impianto di trattamento rifiuti "potenzialmente pericoloso" in provincia di Monza, ma gestito da una milanese, che è stato sottoposto a meticoloso controllo con il supporto dei militari della Compagnia Carabinieri di Desio.

Violazione delle concessioni ambientali

Nel corso delle verifiche e dalla visione della documentazione è emerso che tale azienda, seppur autorizzata al trattamento dei rifiuti, stava operando in violazione delle prescrizioni ed difformità delle relative concessioni ambientali e, pertanto, a esito degli accertamenti, i militari del Noe di Milano hanno sequestrato l'intero impianto, dove erano accantonati circa 600 tonnellate di rifiuti e tutti i mezzi necessari per il processo di stoccaggio.

Gli accertamenti svolti hanno permesso poi di risalire anche all'amministratore dell'azienda – una donna 58enne residente in provincia di Milano – che è stata denunciata all'autorità giudiziaria: è ritenuta responsabile di "attività di gestione dei rifiuti non autorizzata" e "violazione delle autorizzazioni in materia ambientale". 

È stato imposto al proprietario di provvedere, entro le prossime settimane, al ripristino dei luoghi: rimuovere e smaltire i rifiuti eccedenti inviandoli a recupero presso impianti autorizzati.

Nel corso delle attività di controllo i militari del Noe hanno anche proceduto a contestare anche violazioni penali ed amministrative in ordine sia alla normativa antincendio che sulla protezione dai rischi derivanti dalle radiazioni ionizzanti a causa della mancata richiesta del rilascio della certificazione antincendio nonché della omessa sottoposizione ai controlli radiometrici del materiale ferroso trattato dall'azienda.

Le indagini del Noe sono tuttora in corso, su delega del Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Milano, Francesco V. N. De Tommasi non potendosi escludere che tale azienda abbia smaltito significativi quantitativi di rifiuti speciali in eccesso rispetto alle reali capacità di gestione. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, spacca vetrata all'Esselunga e cerca di rubare i soldi dalle casse: preso

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • Coronavirus, dal 27 novembre la Lombardia vuole diventare zona arancione. Cosa cambia

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

Torna su
MilanoToday è in caricamento