Cronaca

Paura in ospedale, incendiati rifiuti alla Mangiagalli

Paura la notte di Santo Stefano alla clinica Mangiagalli: sono andati a fuoco due sacchetti di rifiuti, che hanno costretto all’evacuazione in altri reparti di 80 donne e neonati. I carabinieri indagano, si segue la pista dolosa

Notte di paura alla clinica Mangiagalli la sera di Santo Stefano. Un cestino ed un sacco dei rifiuti sono andati a fuoco al secondo piano dell’ospedale dedicato alle mamme e ai bambini.

Un’ottantina tra donne e neonati sono stati trasferiti in un altro reparto in via precauzionale. Grande spavento tra le neo mamme, ma nessuna conseguenza per le pazienti e i loro piccoli.

Ora sull’episodio stanno indagando i carabinieri, perchè potrebbe essere di natura dolosa. Secondo le prime ricostruzioni, a trasformarsi in una torcia è stato uno dei cestini della sala da pranzo, intorno alle 2,30 del mattino. Due ore dopo un altro incendio è scoppiato in un sacchetto che conteneva i fiori secchi delle neo mamme, stoccato in un’ apposita stanza per i rifiuti.

I militari stanno acquisendo le cassette della videosorveglianza per appurare se qualcuno  si sia avvicinato ai due cestini e abbia volontariamente appiccato il fuoco. L’ospedale ha sporto denuncia contro ignoti.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paura in ospedale, incendiati rifiuti alla Mangiagalli

MilanoToday è in caricamento