menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tentato omicidio al campo rom: due arresti. Incendiate baracche

Sono stati arrestati domenica nel campo rom di via Chiesa Rossa due pregiudicati 25enni che giovedì pomeriggio hanno aggredito e minacciato un gruppo di stranieri

Sono stati arrestati domenica nel campo rom di via Chiesa Rossa due pregiudicati 25enni che giovedì pomeriggio hanno aggredito e minacciato un gruppo di stranieri installatosi in baracche vicino al loro campo e incendiandole.

Si tratta di un esponente della famiglia Hudorovich e di uno della famiglia Braidich: quest'ultimo era sottoposto a misure di sorveglianza speciale per precedenti reati e non poteva uscire dal territorio del Comune di Milano. A denunciare il fatto, venerdì, presso il commissariato Scalo Romana, sono stati 7 uomini, parte nigeriani e parte ghanesi, tra i 21 e i 36 anni, riferendo di essere stati presi d'assalto da 5 rom del campo nomadi.

Gli aggressori li avrebbero raggiunti nelle baracche arrangiate ad alloggio in cui si erano sistemati, vicino al campo rom, e poi li avrebbero picchiati, insultati, minacciati e intimiditi con colpi d'arma da fuoco per poi derubarli di alcuni oggetti personali. Prima di fuggire i 5 rom avrebbero anche incendiato le baracche; nell'aggressione una delle vittime ha riportato contusioni ad un ginocchio guaribili in 7 giorni.

In sede di denuncia è stata effettuata l'individuazione fotografica e sabato pomeriggio due dei responsabili sono stati arrestati durante un controllo speciale nel campo rom, gli altri sono risultati al momento irreperibili. L'accusa è di tentato omicidio, rapina aggravata, minacce gravi, lesioni, danneggiamento e incendio doloso. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento