menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incendio in via Cesariano: morto Bruno Fasiani di 86 anni

Ha un nome l'anziano deceduto nel rogo della sua abitazione. La causa: forse l'impianto elettrico vecchio e un cortocircuito

E' stato individuato l'anziano morto nell'incendio divampato in via Cesariano 8, sabato sera. Si tratta di Bruno Fasiani, originiario di Ciriè (Torino), a Milano da molti anni, famiglia illustre: il padre Gian Maria, luminare della chirurgia cerebrale, è tra gli italiani illustri della Treccani. Lui, ingegnere edile, ormai invalido e con una protesi alla gamba, come riferisce il "Corriere" aveva un appuntamento fisso in un ristorante di via Rosmini, ma per il resto conduceva una vita estremamente riservata.

Il suo appartamento era pieno di libri, giornali, fogli sparsi. Cumuli di carta diventata pericolosissima quando si sono accese le fiamme. Materiale che ha alimentato l'incendio fino a far impiegare oltre due ore ai vigili del fuoco per spegnerlo. Incendio di cui ancora non si conoscono le cause: ma gli stessi vigili del fuoco ipotizzano che fosse dovuto all'impianto elettrico vetusto. Sembra che i fili fossero scoperti e le prese ormai vecchie.

E in mezzo al rogo dei suoi libri, dei suoi appunti e dei suoi giornali è morto anche lui, l'ingegnere anziano che ormai camminava con difficoltà e che, forse per questo, è rimasto imprigionato in mezzo alle fiamme.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento