Cronaca

Incendia la casa chiudendo dentro la moglie e il figlio: vivi per miracolo

È successo a Samarate, provincia di Varese. L'uomo è stato arrestato con l'accusa di tentato omicidio

Immagine repertorio

Voleva uccidere la moglie, il figlio e il suocero bruciandoli vivi. Ha dato fuoco all'appartamento, ma fortunatamente si sono salvati tutti e quattro. E per lui — cittadino tunisino di 52 anni — sono scattate le manette con l'accusa di tentato omicidio. È successo a Samarate, provincia di Varese.

Il momento di follia è scattato nella notte tra mercoledì e giovedì quando l'uomo ha cosparso d'alcool il corpo della compagna (una 37enne italiana) tentando di darle fuoco. Lei è riuscita a fuggire in bagno e a chiudersi dentro con il figlio e il padre. Ma il 52enne non si è arreso: ha incendiato la casa.

Minuti interminabili. I tre sono rimasti bloccati nel bagno dell'abitazione e le inferriate alle finestre hanno impedito l'accesso ai vigili del fuoco che si sono fatti largo tra le fiamme dopo aver sfondato la porta d'ingresso. 

Tutti e quattro, compreso il 52enne, sono stati tratti in salvo. La donna, il bimbo e l'anziano sono stati accompagnati al pronto soccorso, ma non avrebbero riportato gravi conseguenze. Le otto famiglie che vivono all'interno della palazzina sono state evacuate, mentre l'appartamento della coppia è stato dichiarato inagibile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendia la casa chiudendo dentro la moglie e il figlio: vivi per miracolo

MilanoToday è in caricamento