Cronaca

Il rivestimento della vela di via Antonini che si è incendiato non era raccomandato per i grattacieli

Lo si scopre da un catalogo del 2019 della ditta produttrice dei pannelli

Nella scala da 0 a 5, i pannelli di Larson PE con cui era rivestita la parete a vela della Torre dei Moro in via Antonini erano stati classificati al livello 1, ovvero praticamente non infiammabile, da un ente certificatore accreditato dal Ministero, l'Istituto Giordano. La prova risale al 2009, prima che l'edificio venisse costruito. Come è andata, purtroppo, è noto: domenica 29 agosto la parete ha preso fuoco ed è diventata una torcia in quindici - venti minuti. 

La ditta non raccomandava il Larson PE in edifici alti

In un catalogo del 2019 facilmente reperibile online, la ditta Alucoil distingue due suoi prodotti, il Larson FR e il Larson PE, con le rispettive specifiche tecniche. Riguardo alla certificazione europea Uni En 13501-1 (reazione al fuoco dei prodotti da costruzione), la ditta classifica il Larson PE in classe E, la penultima peggiore. E ci tiene a specificare: "Questo prodotto è inteso per essere utilizzato solo in edifici bassi, pensiline, segnaletica e (insegne, n.d.r.) per l'identità aziendale. Alucoil non raccomanda l'uso di questo prodotto in edifici alti".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il rivestimento della vela di via Antonini che si è incendiato non era raccomandato per i grattacieli

MilanoToday è in caricamento