Attentato a Corsico, bruciato il bar Erica in via Curiel: fiamme ed esplosioni nella notte. Foto

L'allarme è scattato verso le 23.30 di venerdì. I carabinieri hanno trovato benzina sul retro

Il bar teatro dell'incendio - Foto da gruppo Fb Daniela B.

La benzina cosparsa sul retro. L'innesco e poi le fiamme, accompagnate dai boati. Attentato incendiario venerdì sera a Corsico, dove è stato dato alle fiamme il bar Erica, il locale che si trova in via Curiel ed è gestito da un cittadino cinese di quarantacinque anni, incensurato. 

L'allarme è scattato alle 23.30, quando i residenti della zona - il quartiere è popolare e molto affollato - sono stati svegliati da alcune esplosioni e hanno visto il fumo uscire dalle saracinesche del bar, che a quell'ora era già chiuso. 

Il rogo, che ha causato pesanti danni nel locale, è stato spento dai vigili del fuoco, che hanno lavorato a lungo per domare le fiamme. Pochi i dubbi sull'origine dell'incendio: i carabinieri della compagnia di Corsico, guidati dal capitano Pasquale Puca, hanno infatti trovato sul retro una tanica con benzina all'interno. 

Nell'area non ci sono telecamere di video sorveglianza, ma il lavoro degli investigatori è già partito. 

Pregiudicato e l'omicidio al bar

Quella del bar Erica di Corsico, tra l'altro, è una storia complicata. A gennaio del 2018 il locale era stato chiuso perché - aveva spiegato all'epoca la Questura - era frequentato da numerosi personaggi con precedenti penali. A giugno altri problemi.

Il bar era infatti diventato teatro di un omicidio: il 16 giugno sera - proprio fuori dal locale, dopo una prima discussione all'interno -, il 47enne Fabrizio Butà aveva scaricato undici colpi di pistola contro Assane Diallo, senegalese di 54 anni, morto sul colpo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alla base della follia, come raccontato dallo stesso assassino, c'erano stati una mancanza di rispetto della vittima nei confronti della compagna del killer e il successivo rifiuto di chiedere scusa. Pochi giorni quel bagno di sangue, "l'Erica" era stato chiuso ancora

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, il locale che regala chupiti alle donne che mostrano il seno: esplode la polemica

  • Incidente a Milano, terribile schianto in pieno centro: gravissimo un ragazzo

  • Orrore per una mamma di Milano, violentata e picchiata davanti ai suoi bimbi: un arresto

  • La provocazione di Cracco in Galleria (Milano): ai suoi clienti solo mezza pizza

  • Non è affatto detto che Milano torni a essere quella di prima

  • Milano: folle fuga dei rapinatori contromano, i poliziotti li prendono a schiaffi e calci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento