Incendi Via Giuseppe Eugenio Luraghi

Incendio alla Rottami Metalli Italia dietro al Centro di Arese, il perito: "Autocombustione"

L'ipotesi dolosa è stata esclusa da un tecnico nominato dal tribunale di Milano

I vigili del fuoco sul posto

L'incendio del 26 luglio alla Rmi, Rottami Metalli Italia, di Arese non è doloso, sarebbe scaturito dall'autocombustione dei rifiuti stoccati nell'impianto. È quanto emerge da una consulenza tecnica richiesta dal pm del tribunale di Milano Silvia Bonardi, titolare dell'inchiesta. 

L'incendio

Il rogo era divampato intorno alle 20 di mercoledì 26 luglio e aveva causato una densa e altissima colonna di fumo nero nel cielo ben visibile da tante zone di Milano e provincia. I vigili del fuoco del comando provinciale di Milano erano intervenuti con 20 autopompe. In via Luraghi - nell'area ex Alfa Romeo, proprio dietro al Centro di Arese, tra i territori di Arese, Lainate e Garbagnate - erano intervenuti anche i carabinieri e un'ambulanza del 118, ma fortunatamente non si erano registrati né feriti né intossicati.

L'inferno di fuoco nella discarica

Le fiamme avevano distrutto pezzi e rottami di auto, tra cui montagne di fluff, l'imbottitura di gomma piuma usata per i sedili delle vetture. L'incendio si era sviluppato in un'area della discarica di circa sessantamila metri quadrati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio alla Rottami Metalli Italia dietro al Centro di Arese, il perito: "Autocombustione"

MilanoToday è in caricamento