Incendi Porta Romana / Via Friuli

La donna che dà fuoco alla finestra di casa e all'auto della sua vicina

È stata arrestata dai carabinieri dopo una serrata indagine

Una tanica di cherosene, fiammiferi 'Diavolina', garze e farmaci per le ustioni. Questi gli elementi che hanno inchiodato una pensionata 66enne italiana, la quale nelle prime ore di giovedì 26 agosto aveva dato fuoco alla finestra dell'appartamento e all'auto della sua vicina, in via Friuli, zona sud est di Milano. 

A trarre in arresto la donna dopo una serrata e fulminea indagine i carabinieri della compagnia Porta Monforte. Intorno alle 6.10 del mattino la 66enne aveva incendiato l'auto e la finestra dell'abitazione, al primo piano, della vicina, una 73enne che è anche consigliera di condominio. L'incendio aveva provocato danni alla facciata del palazzo e ad altri due veicoli parcheggiati a fianco a quello della vittima, nel cortile condominiale. Per fortuna nessuno era rimasto ferito.

Il liquido infiammabile e l'accendigas usati per appiccare il fuoco erano stati trovati dai vigili del fuoco mentre stavano spegnendo il rogo. Nella casa della 66enne, poi, sono stati rinvenuti anche il cherosene (nel suo box auto), i fiammiferi, oltre a tracce di liquido infiammabile e medicine per le ustioni che aveva acquistato subito dopo l'incendio. Ad incastrarla anche le immagini registrate dalle telecamere della zona, che l'hanno ripresa con un giubbino in tutto e per tutto simile a quello ritrovato nella sua abitazione e dal forte odore di cherosene. 

La donna, inoltre, aveva diverse ustioni sulla gamba destra, medicate e refertate sul posto dai sanitari del 118. Il materiale trovato e il garage sono stati sequestrati in attesa di effettuare ulteriori accertamenti tecnici. All'origine del suo gesto potrebbero esserci dissidi condominiali, anche se le indagini sono ancora in corso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La donna che dà fuoco alla finestra di casa e all'auto della sua vicina

MilanoToday è in caricamento