rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Incendi

Il piromane 35enne salvato dalla polizia

L'uomo aveva appiccato alcuni incendi in città e, vistosi scoperto, ha tentato il suicidio

Aveva appiccato alcuni incendi a Milano e, dopo essersi accorto che era stato scoperto, voleva suicidarsi. La polizia però lo ha trovato in tempo e salvato. 

I roghi

Denunciato per aver incendiato delle auto, un piromane 35enne incensurato. Il primo rogo era avvenuto lo scorso 17 luglio, alle 6, in via Marostica, zona Bande Nere, dove a prendere fuoco erano state una Ford Fiesta di un privato e una Volvo V60 di una società di noleggio a lungo termine.

L'analisi delle immagini di alcuni sistemi di videosorveglianza aveva permesso ai poliziotti del commissariato Porta Genova di notare un uomo, non identificabile e con un cane al seguito, che aveva cosparso di liquido la parte anteriore della Volvo per poi appiccare il fuoco e scappare.

Un caso analogo era avvenuto anche il 1° agosto, verso le ore 04.30, quando, sempre in via Marostica, 5 veicoli, tra auto e moto, erano stati dati alle fiamme ed era bruciato anche il dehor di un locale di via Anguissola. La visione dei filmati di videosorveglianza e le testimonianze dei presenti hanno portato gli agenti a eseguire nei giorni scorsi una perquisizione domiciliare nei confronti del 35enne.

Il salvataggio

Arrivati sul pianerottolo di casa dell'uomo, i poliziotti lo hanno sentito piangere, verosimilmente per il dolore. Dopo aver cercato di calmarlo e convincerlo ad aprire la porta, poi, lo hanno trovato con delle ferite sui polsi e al petto, che si era procurato da solo.

Ricoverato in codice rosso, non in pericolo di vita, all'ospedale Niguarda, il 35enne ha riferito ai polizotti di
aver tentato il suicidio dopo due giorni di agitazione per la certezza di essere stato scoperto. Non è riuscito nel suo intento grazie all'intervento degli agenti.

Nel corso della perquisizione, i poliziotti hanno trovato gli abiti immortalati nei filmati, il cane di taglia grande,
un'agenda nella quale erano riportati i pensieri suicidari dell'uomo e un cellulare con due file audio nei quali aveva registrato le sue memorie prima di tentare un gesto estremo.

Dove e come chiedere aiuto

Parlare di suicidio non è semplice. Se stai vivendo una situazione di emergenza puoi chiamare il 112. Se sei in pericolo o conosci qualcuno che lo sia puoi chiamare il Telefono Amico al numero 02 2327 2327 (servizio attivo tutti i giorni dalle 10 alle 24) oppure puoi metterti in contatto con loro attraverso la chat di Whatsapp al numero 345 036 1628 (servizio attivo tutti i giorni dalle 18 alle 21). Altrimenti puoi rivolgerti a Samaritans Onlus al numero 06 77208977 (costi da piani tariffari del tuo operatore), un servizio attivo tutti i giorni dalle 13 alle 22.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il piromane 35enne salvato dalla polizia

MilanoToday è in caricamento