rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
L'infortunio / Trezzano sul Naviglio

Operaio resta schiacciato da un macchinario in una ditta nel Milanese: morto

L'uomo, un 25enne, è morto poco dopo l'arrivo all'ospedale Niguarda di Milano

È morto in ospedale l'operaio rimasto schiacciato da un macchinario industriale all'interno di una ditta che produce borse e accessori in pelle, la Crocolux, a Trezzano Sul Naviglio (Milano). L'uomo, un 25enne originario del Bangladesh, Ruman Abdul (chi era), è deceduto dopo il ricovero al Niguarda, dov'era arrivato in gravissime condizioni. In via Duccio Galimberti 62, sede dell'azienda, è intervenuta l'Agenzia regionale emergenza urgenza con tre equipaggi su due ambulanze e l'elisoccorso.

L'incidente sul lavoro è avvenuto circa 20 minuti prima delle 9 di giovedì. Stando a una prima parziale ricostruzione dei vigili del fuoco che lo hanno liberato, le gambe dell'uomo erano totalmente schiacciate dal pesante macchinario. Grazie all'intervento di una squadra dei pompieri è stato possibile spostarlo per prestagli i primi soccorsi sanitari. Il trasporto d'urgenza e in codice rosso con l'eliambulanza all'ospedale Niguarda di Milano non è stato sufficiente per salvare la vita al 23enne, troppo gravi le ferite agli arti inferiori, a un braccio e il trauma cranico provocato dalla pressione del macchinario.

La notizia della morte è stata diffusa da fonti ospedaliere nel primo pomeriggio. Nel frattempo nel luogo dell'infortunio sono arrivati anche gli agenti della polizia locale di Trezzano e gli incaricati della sicurezza sui luoghi del lavoro di Ats. A loro il compito di verificare se sono state rispettate tutte le normative previste dalla legge. La Crocolux è un'azienda attiva dal 1973, specializzata nella produzione di borse e accessori in pelle. Operano sul mercato nazionale e internazionale. Stando a quando comunicano sul loro sito, la ditta si sviluppa su più di 3mila metri quadri divisi in due reparti: quello più piccolo dedicato allo sviluppo della campionatura e quello più grande, oltre 2mila metri quadri, dedicato alla produzione, dov'è avvenuto l'incidente.

Due morti sul lavoro in poche ore in Lombardia

Sempre giovedì, in provincia di Brescia, un 33enne è morto in un infortunio sul lavoro. L'episodio, a Bagolino, mentre stava tagliando un albero. L'uomo lavorava per un'azienda addetta alle potature ma è rimasto schiacciato da un tronco che non gli ha lasciato scampo. Quando sono arrivati i soccorritori, era già morto. 

L'ultimo incidente mortale nel milanese era avvenuto a fine aprile, nella sede Esselunga di Pioltello (Milano). La vittima era il 48enne Stefano Sainaghi. L'operaio - della ex Mazzocco Srl di Tavazzano con Villavesco, nel Lodigiano, acquisita qualche anno fa da Italtrans - era sceso dal suo camion per caricarlo e poi ripartire, ma al momento della sosta non avrebbe bloccato le ruote del mezzo pesante. Il tir sarebbe quindi ripartito e l'autista si sarebbe parato davanti nel disperato tentativo di bloccarlo, chiedendo anche aiuto a un altro collega presente. Sainaghi, centrato dal camion, era rimasto incastrato tra la parte frontale del suo tir e il rimorchio di un altro. Nonostante l'immediato intervento dei soccorritori, per lui non c'era stato nulla da fare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operaio resta schiacciato da un macchinario in una ditta nel Milanese: morto

MilanoToday è in caricamento