rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
Incidenti stradali

Drogato, senza patente e col gesso: arrestato il pirata che ha ucciso il bimbo 11enne

È accusato di omicidio stradale con l'aggravante della fuga

Omicidio stradale con l'aggravante della fuga. Questa l'accusa con la quale è stato arrestato Nour Amdouni, il 20enne che lo scorso 9 agosto aveva travolto e ucciso con una Smart il piccolo Mahanad Moubarak, 11 anni, mentre andava in bicicletta in via Bartolini, periferia nord di Milano.

Chi è il pirata della strada

Il pirata dopo aver investito il bambino era scappato, per poi costituirsi dopo circa 4 ore, mentre le forze dell'ordine erano già sulle sue tracce. Oltre a guidare senza patente che, come già emerso, non aveva mai conseguito, Amdouni, come spiega adesso la procura, era sotto l'effetto di droga (thc) e aveva "la gamba sinistra ingessata". Il pirata, scrive il gip Fiammetta Modica nell'ordinanza di custodia cautelare, ha dimostrato di essere "totalmente privo di umanità e pietà in occasione del sinistro".

Incidenti stradali: a Milano 1 morto ogni 3 giorni

Mahanad Moubarak, che non aveva ancora compiuto 12 anni, era di origine egiziana. In base a quanto ricostruito, stava pedalando da piazza Firenze in direzione piazza Prealpi, quando la Smart è sopraggiunta, a velocità molto sostenuta, e l'ha investito senza lascargli scampo: il bimbo è spirato sul colpo.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Drogato, senza patente e col gesso: arrestato il pirata che ha ucciso il bimbo 11enne

MilanoToday è in caricamento