rotate-mobile
Incidenti stradali

"Il suv stava andando piano". Cristiano, vita spezzata a 5 anni

Il piccolo stava correndo all'asilo a Borghetto Lodigiano, ma non ha visto sopraggiungere un suv guidato da un 30enne del luogo (ricoverato sotto choc). Secondo la polizia, "l'auto stava andando piano". E' morto sul colpo

"Probabilmente la velocità era molto bassa, visto che si tratta di un'area di parcheggio". Sono queste le prime conclusioni alle quali sono giunti gli agenti della polizia locale di Borghetto, nel Lodigiano, dopo il tragico incidente che la mattina di mercoledì 11 gennaio ha visto morire un piccolo di 5 anni, Cristiano Pezzini, davanti all'asilo "Gianna Beretta" dello stesso paese, in via Lago. 

Il piccolo, secondo la dinamica accertata, era uscito di corsa dall'auto guidata della mamma (con lui anche la sorellina più piccola, Giorgia), proprio per entrare nella scuola dell'infanzia. In quel momento, però, stava sopraggiungendo un suv Chrysler guidato da un giovane padre del medesimo asilo, un 30enne del luogo, C.F., che non ha visto il piccolo. L'impatto è stato tremendo: il bimbo è stato ferito alla testa, con un gravissimo trauma cranico. E' spirato dopo pochi istanti, nonostante la rapidità dei soccorsi del 118. 

Bambino investito davanti all'asilo a Borghetto Lodigiano

L'investitore, sotto choc e svenuto dopo l'incidente, è stato ricoverato a Lodi. E' titolare di una tipografia ben avviata a Borghetto. Così la famiglia del piccolo Cristiano è conosciutissima in paese - il padre Carlo Pezzini, 49 anni, lavora per le aziende agricole della zona -, stimata e apprezzata.  

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il suv stava andando piano". Cristiano, vita spezzata a 5 anni

MilanoToday è in caricamento