Schianto tra bus e camion dei rifiuti, restano gravissime le condizioni della passeggera

La ferita più grave, sbalzata sull'asfalto a causa dell'impatto, sta lottando tra la vita e la morte

L'incidente

Restano gravi le condizioni della donna di 49 anni, in coma da sabato 7 dicembre dopo essere stata sbalzata sull'asfalto in seguito allo schianto tra un filobus della linea 91 e un mezzo per la raccolta rifiuti dell'Amsa avvenuto in viale Bezzi a Milano. La 49enne sta lottando tra la vita e la morte in un letto del Policlinico ma le sue condizioni sembrano essere irreversibili.

Nel frattempo stanno proseguendo le indagini della polizia locale di Milano per accertare l'esatta dinamica dell'incidente, quasi sicuramente innescato da un mancato rispetto del semaforo rosso da parte di uno dei due mezzi. Per il momento non è ancora chiaro chi non abbia rispettato la precedenza.

L'impatto tra il camion e il filobus è stato frontale laterale e secondo quanto trapelato pare che il filobus stesse procedendo in direzione di via Sardegna mentre sembra che il camion Amsa stesse attraversando l'incrocio da via Marostica verso Via dei Gracchi. L'impatto è stato violento tanto che il mezzo di Atm è uscito dalla corsia preferenziale finendo, in contromano, sull'altra carreggiata. Nell'incidente erano rimaste ferite diciotto persone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Granelli: "Faremo sempre di più per la sicurezza"

Sull'incidente ha preso parola anche l'assessore alla mobilità di Palazzo Marino Marco Granelli: "Ore difficili per Milano e per il suo trasporto pubblico: ieri sera (venerdì, ndr) la frenata in S.Babila M1 e oggi l'incidente tra la 90 di Atm e un mezzo Amsa. Il mio pensiero alle persone ferite, ai lavoratori di Atm e Amsa. Abbiamo un sistema complesso di mobilità con milioni di mezzi e cittadini in movimento ogni giorno e dirigenti e lavoratori che ogni giorno lavorano e si impegnano perché i servizi di mobilità e pulizia funzionino al meglio, di giorno e di notte, per tutti. Noi vogliamo fare e faremo sempre di più per la sicurezza di tutti e perché se è difficile pensare di eliminare gli incidenti, dobbiamo ogni hanno cercare che ne capitino sempre di meno, questo il nostro impegno, e la riconoscenza a chi lavora con passione, professionalità e spirito di servizio, per la città. Impariamo tutti a rispettare le regole e metterci il massimo di impegno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, si tuffa nel Naviglio asciutto per scappare dalla polizia e si rompe una gamba

  • Autostrada A4 bloccata tra Milano e Bergamo, controlli per il coronavirus: la coda è infernale

  • Coronavirus, il contagio non si ferma: Milano sfonda quota 3mila, in Lombardia +2.400 casi

  • "Contagi nascosti e lavoratori senza mascherine": denunciata la Fondazione Don Gnocchi. La replica: "Falsità"

  • "Ci avete salvato dal mare e Milano ci ha accolto": la comunità etiope dona cibo per l'emergenza

  • Con febbre e sintomatica, donna prende due aerei da Milano fino al Ragusano

Torna su
MilanoToday è in caricamento