Incidenti stradali

Schianto nella notte, ragazza di 31 anni intrappolata tra le lamiere dell'auto: è grave

È successo nella notte tra venerdì e sabato a Castano Primo, hinterland milanese

L'auto distrutta a causa dell'incidente

Prima lo schianto, poi le sirene delle ambulanze e infine la corsa al pronto soccorso. Lotta tra la vita e la morte una donna di 31 anni, vittima di un grave incidente stradale avvenuto nella notte tra venerdì e sabato 30 dicembre a Castano Primo, hinterland milanese.

L'incidente è avvenuto poco prima delle 3 del mattino in via Gallarate, come riportato dall'azienda regionale di emergenza urgenza. La ragazza, secondo una prima ricostruzione, avrebbe perso il controllo dell'auto schiantandosi contro un muro. La Ford Fiesta è stata completamente deformata dallo schianto e lei, priva di sensi, è rimasta intrappolata tra le lamiere; è subito scattato l'allarme e sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del comando provinciale di Milano, insieme ai sanitari del 118 in codice rosso con un'ambulanza e un'automedica. La giovane, estratta dall'abitacolo, è stata accompagnata d'urgenza al pronto soccorso dell'ospedale di Legnano dove è stata ricoverata nel reparto di terapia intensiva. Le sue condizioni sono gravi, ma non è in pericolo di vita. 

Non è ancora chiara la dinamica dell'incidente, sul caso stanno indagando i carabinieri della compagnia di Legnano, intervenuti per i rilievi. "Ogni ipotesi è al vaglio, sia l’eventuale stato di alterazione psico-fisica quanto che l’incidente sia avvenuto a seguito di un malore o di un colpo di sonno", hanno fatto sapere i militari con una nota.

Incidente a Busto Arsizio: morta una ragazza

Sempre nella notte tra venerdì e sabato una ragazza ha perso la vita in un incidente stradale in via Cardinal Simone a Busto Arsizio (Varese) dove due auto, una Peugeot 308 e una Toyota Yaris, si sono scontrate poco dopo la mezzanotte.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schianto nella notte, ragazza di 31 anni intrappolata tra le lamiere dell'auto: è grave

MilanoToday è in caricamento