menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La scena dell'incidente (foto B&V)

La scena dell'incidente (foto B&V)

Schianto mortale in viale Bezzi, l'autista della 90 che passò col rosso non era al cellulare

La procura gli contesta l'omicidio stradale aggravato e le lesioni colpose. A breve una perizia tecnica sull'esatta dinamica dello schianto

Il 7 dicembre 2019 bruciò il semaforo rosso all'incrocio tra viale Bezzi e via Marostica, causando uno spaventoso incidente stradale tra il filobus che guidava e un mezzo dell'Amsa: al 28enne dipendente di Atm non sarà contestato che stesse utilizzando il telefonino alla guida. Emerge dalle informazioni sull'inchiesta in corso riguardo all'incidente che costò la vita a una passeggera del filobus, la baby sitter di 49 anni Shirley Ortega, che venne sbalzata fuori dal mezzo e morì in ospedale il giorno successivo. Altre 17 persone rimasero ferite e una dozzina di queste vennero accompagnate al pronto soccorso.

Video: lo schianto tra il filobus e il mezzo dell'Amsa

L'uomo, come hanno fatto emergere anche i filmati diffusi successivamente all'incidente, non ha decelerato al rosso ma è transitato nell'incrocio. L'impatto è stato tanto forte quanto inevitabile. Ma i tabulati telefonici non hanno dato riscontro alle parole di una passeggera del filobus, che aveva affermato che, probabilmente, il 28enne era al telefono durante il tragico incidente. Ora un consulente tecnico ricostruirà  con la maggior esattezza possibile la dinamica dello schianto: potrebbero volerci alcuni mesi. 

Il 28enne è indagato per omicidio stradale con l'aggravante della condotta imprudente, per essere passato col rosso, e per lesioni colpose. Indagato anche il conducente del mezzo dell'Amsa, come atto dovuto e per consentire al suo legale e ai suoi esperti di partecipare alle perizie. Interrogato il 30 dicembre dal pm Rosaria Stagnaro, l'uomo alla guida del filobus ha spiegato di essere stato colto da un mancamento per un malore, e che in quei giorni non sarebbe stata la prima volta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento