Grave incidente sulla Vigevanese: schianto tra auto e camion, morto un ragazzo di 23 anni

Il traffico sulla strada è andato subito in tilt dopo l'incidente, avvenuto alle sette in punto

Le foto dell'incidente

E' morto all'istante, schiacciato dalle lamiere della propria auto travolta da un camion. Vittima del grave incidente stradale avvenuto mercoledì mattina sulla statale 494 Vigevanese, all'altezza del comune di Ozzero (Milano), è un ragazzo di ventitré anni, residente a Mortara in provincia di Pavia.

Per lui non c'è stato nulla da fare, secondo quanto riferito dalla centrale operativa dell'Azienda regionale emergenza urgenza. I medici del 118, intervenuti con ambulanza ed elisoccorso, hanno soltanto potuto constatarne il decesso. Illeso, invece, il camionista.

Il traffico sulla strada è andato subito in tilt dopo l'incidente, avvenuto alle sette in punto. I vigili del fuoco del Comando provinciale, la polizia locale di Ozzero e i carabinieri della Compagnia di Abbiategrasso sono arrivati sul posto con diversi mezzi. Il lavoro dei pompieri ha permesso di liberare la vittima, rimasta incastrata all'interno dell'auto, una Fiat Punto grigia.

La polizia locale, d'altro canto, ha gestito la situazione del traffico e fatto i rilievi per stabilire con certezza la dinamica dello schianto. Stando alle prime ipotesi si tratta di uno scontro frontale tra l'auto del giovane, che andava in direzione Abbiategrasso, e il camion, che andava verso Vigevano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

Torna su
MilanoToday è in caricamento