menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'incidente

L'incidente

Dipendente Atm in coma dopo lo schianto in moto in Valassina: la famiglia cerca testimoni

Appello per rintracciare eventuali testimoni e capire che cosa sia accaduto domenica

La moto che finisce contro una Citroen, la tampona, perde il controllo e lui - quarantaquattro anni, monzese - che viene sbalzato a terra e finisce in coma. Restano gravi e critiche le condizioni del motociclista che domenica pomeriggio è rimasto coinvolto in un incidente stradale lungo la Valassina, all'altezza di Lissone, e che ora è ricoverato in prognosi riservata nel reparto di Terapia Intensiva Neurochirurgica dell'ospedale San Gerardo.

Il fratello del 44enne ha lanciato un appello per cercare eventuali testimoni che abbiano assistito allo schianto per capire che cosa sia davvero accaduto sulla Strada Statale 36. "Mio fratello è ancora in coma e al momento non può affrontare nessun intervento" racconta Davide Passoni. 

In coma dipendente di Atm

Domenica pomeriggio la polizia stradale ha effettuato i rilievi per ricostruire la dinamica dell'incidente che è stato rilevato come un tamponamento tra una Citroen - che viaggiava davanti - e la Suzuki V-Strom del 44enne, che lavora per Atm a Milano. 

"La versione dei fatti di mio fratello purtroppo non la possiamo ascoltare e forse non potrà mai raccontarcela ma è impossibile che nessuno abbia visto l'incidente" continua il fratello del 44enne ferito.

"Questo è il primo incidente che mio fratello fa: era un motociclista e un guidatore esperto. Ha lavorato anche in Atm e ha fatto parte di un moto club e chi lo conosce sa che non è mai stata una persona abituata a correre in moto". Davide ha scelto di diffondere il suo numero di cellulare (3342047848) per permettere a chiunque abbia qualche informazione utile di contattarlo.

"Non voglio dimostrare che mio fratello abbia torto o ragione: voglio soltanto capire che cosa è successo" ha concluso Passoni. Sul casco e sulla moto del 44enne monzese c'erano anche due microcamere che purtroppo pare non abbiano ripreso nulla di utile per ricostruire l'incidente. "La telecamera sulla moto ha smesso di registrare a fine agosto mentre quella sul casco si è danneggiata nello schianto e sembra che non sia più possibile reperire nessuna immagine" ha aggiunto. Forse solo chi ha davvero assistito allo schianto e ha visto l'incidente potrebbe raccontare che cosa sia successo. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Attualità

È stato creato un giardino zen in pieno centro a Milano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento