Nicolò Luckenbach, morto in un incidente, il padre: "Fu omicidio stradale, vorrei giustizia"

L'auto che lo urtò avrebbe fatto inversione di marcia dove era vietato. Il conducente è accusato di omicidio stradale

Nicolò Luckenbach

Non sarebbe stato un sorpasso finito male, come sembrava da una prima ricostruzione: l'incidente in cui perse la vita Nicolò Luckenbach a soli 32 anni sarebbe stato causato da un'auto che avrebbe fatto inversione dove era vietato. A scriverlo a MilanoToday, riportando l'esito dell'udienza penale del 23 gennaio, è il padre del giovane, Federico Ranieri Luckenbach. 

"Il guidatore dell'auto ha ammesso la propria colpa peraltro già provata dal verbale ufficiale dell'incidente - ha scritto il genitore -. La vettura alla cui guida c'era un uomo, ha compiuto un'inversione di marcia in mezzo al controviale e proprio sotto un cartello che al contrario indica 'direzione obbligatoria dritta' e che pertanto vieta anche la semplice svolta a sinistra".

Nicolò Luckenbach si trovava alla guida della sua moto quando venne coinvolto in un violento schianto in viale Tibaldi. "Mio figlio Nicolò su una Yamaha R6 (non uno Scooter) è rimasto coinvolto in un incidente stradale nel quale ha perso la vita", ricorda il padre, specificando come il pubblico ministero abbia chiesto "l'applicazione dell'art. 589 bis comma 1 del CP per omicidio stradale".

Il ricordo di Nicolò

"Vorrei che quindi a distanza di più di 13 mesi dall'accaduto, fosse resa giustizia a mio figlio, pubblicando la verità su quella tragica mattinata, una mattinata il cui dolore è vivo come allora e mai potrà passare, né per un padre né per i fratelli e sorelle", continua il papà di Nicolò, raccontando come il ragazzo al momento dell'incidente stesse andando a lavorare e fosse "totalmente innocente".

"Faceva il filmaker, aveva girato un documentario anche con il Sig. Nino Frassica, faceva riprese sportive e fotografie di moda e/o pubblicitarie inoltre suonava ed aveva già inciso un Cd e due Lp in ceramica. Il suo talento crescente e la sua passione per la vita, meritano almeno il giusto rispetto", scrive il genitore.

Soddisfazione ma anche rammarico del legale

A rappresentare la famiglia Luckenbach l'avvocato Domenico Musicco, presidente dell'Associazione Vittime della Strada e promotore della legge sull'omicidio stradale. "Alla guida dell'auto che ha ucciso Nicolò c'era un funzionario del ministero dell'Interno, che probabilmente stava trasportando qualcuno - racconta il legale -. L'auto ha fatto un'inversione a 'u' dove era vietato".

"Siamo soddisfatti - continua Musicco - perché il pubblico ministero, come da noi auspicato, ha richiesto la rubricazione del reato da semplice omicidio colposo a omicidio stadale".  La pena in questo caso andrebbe da 8 a 12 anni. 

Da parte dell'avvocato, però, c'è anche rammarico: "Nonostante l'auto abbia fatto quella manovra vietata non c'è stata nessuna contravvenzione nei suoi confronti. Questa è una grave omissione di atti d'ufficio da parte della polizia locale", afferma Musicco, che rivela anche come i legali dell'automobilista stiano facendo un tentativo di patteggiamento. "Noi chiediamo che sia condannato", continua l'avvocato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un altro motivo di dispiacere, specifica Musicco, è il diniego di Cattolica Assicurazioni a rimborsare la famiglia Luckenbach per una presunta "assenza di responsabilità". Circostanza che il legale, in causa civile con la società, definisce scandalosa. La prossima udienza del processo penale è fissata per il 6 maggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: lockdown totale per Milano e la Lombardia? Fontana smentisce

  • Anche a Milano esplode la rabbia, rivolta anti Dpcm: molotov, bombe e assalto alla regione

  • Lockdown a Milano? Lunedì si decide il futuro della Lombardia. Ecco la situazione

  • Follia a Il Centro di Arese, fratelli aggrediscono i carabinieri: "Infame, adesso ti taglio la gola"

  • Lombardia, nuova ordinanza: confermato il coprifuoco, recepite le regole del Dpcm

  • Coronavirus, in Italia si va verso il lockdown: Milano in cima alla lista delle città da chiudere

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento