Incidenti stradali Corvetto / Piazza Federico Mistral

Omicidio stradale: condanna record contro automobilista ubriaco che uccise un uomo

La Fiat guidata dal 24enne andava a novanta chilometri orari, ben sessanta oltre i consentiti

Immagine di repertorio

E' stato condannato a sette anni di carcere con rito abbreviato - quindi già con la pena ridotta di un terzo - per aver investito e ucciso un uomo in via Cassinis, altezza piazza Mistral, a Milano, all'alba di domenica 21 maggio 2017. Walter Basilio Vera, automobilista ecuadoregno di 24 anni, si era messo alla guida della sua Fiat Punto ubriaco e drogato. Per questo andava a folle velocità e per questo non ha visto il 33enne Gil Trazzi che stava per attraversare la strada.

Il pm Marcello Musso ha ottenuto una condanna esemplare dalla giudice Illaria De Magistris che ha assolto il 24enne, che attualmente si trova ai domiciliari, solo dall'accusa di fuga con omissione di soccorso, mentre lo ha condannato per omicidio stradale.

L'assoluzione dall'omissione è arrivata per due motivi: primo perché non è chiaro se la vittima fosse morta sul colpo, in quel caso non c'è più possibilità di soccorrerla, e poi perché comunque l'uomo ha fermato la sua auto un centinaio di metri dopo, andandosi a schiantare con un semaforo. Anche se, nonostante i soccorsi celeri, -  è stato soccorso attorno alle 3 - solo tre ore dopo, quindi alle 6, i passanti hanno trovato il cadavere della vittima, sbalzata oltre il guardrail.

La Fiat guidata dal 24enne andava a novanta chilometri orari, ben sessanta oltre i consentiti nel punto dell'impatto, dove il limite è trenta. Il sudamericano resterà ai domiciliari in attesa dell'appello.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio stradale: condanna record contro automobilista ubriaco che uccise un uomo

MilanoToday è in caricamento