Un’auto pirata lo tampona, un'altra macchina lo investe: morto un ragazzo di ventidue anni

Il dramma a Masate, sulla provinciale 179. L'auto che ha tamponato il ragazzo è fuggita

Il ragazzo era in moto - FOTO REPERTORIO

L’auto che lo colpisce alle spalle. Il volo sull’asfalto, finito sull’altra corsia. Poi, una seconda macchina che arriva nel senso opposto e che non può fare nulla per frenare, per evitarlo. 

Dramma venerdì sera sulla strada provinciale 179, nel territorio comunale di Masate, dove un ragazzo di ventidue anni - Francesco Belloni di Basiano - ha perso la vita in un tragico incidente in moto. 

Secondo una primissima ricostruzione dei carabinieri, la Cagiva Mito del ventiduenne, che viaggiava verso casa, sarebbe stata tamponata da un’auto, poi fuggita. Il colpo avrebbe sbalzato Francesco sulla corsia opposta proprio mentre arrivava una Seat Ibiza guidata da una sessantenne della zona, che ha travolto e investito la vittima. 

Il giovane è stato immediatamente soccorso dalla stessa donna e dai mezzi del 118, intervenuto sul posto con un’ambulanza e un’auto medica. Francesco è stato portato all’ospedale di Vimercate, dove poi - verso le dieci di sera - è morto. 

I carabinieri della compagnia di Vimercate sono ora al lavoro per cercare di risalire all’auto pirata che ha tamponato la giovane vittima. Proprio dal comando dei militari arriva l’appello al conducente a presentarsi alle forze dell’ordine. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, a Milano il prefetto chiude L’Antica pizzeria da Michele, storico locale napoletano

  • "Sono stata incastrata", la comandante della Locale pizzicata con la coca denuncia i carabinieri

  • Grave incidente in autostrada A4, auto ribaltata: giovane 27enne rianimato sul posto

  • Incidente davanti al treno deragliato: Madeline è morta a 21 anni uccisa dal pirata fatto di coca

  • Distratti dal treno deragliato, incidente sull'A1: morta ragazza di 21 anni, feriti gravi tre amici

  • Milano Lancetti, uomo travolto da un treno in stazione: gravissimo

Torna su
MilanoToday è in caricamento