menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sangue sul Sempione, schianto auto moto: morto ragazzo di 20 anni, gravissima l'amica

Il dramma domenica sera. Morto un 20enne di Nerviano, gravissima l'amica di Legnano

La fiancata sinistra dell'auto, una Fiat 500 gialla, devastata. La moto ridotta a un ammasso di lamiere. E quei corpi a terra, uno già senza vita. Domenica sera di sangue sulla statale del Sempione, teatro di un incidente dal bilancio tragico. Il dramma si è consumato verso le 19.15 nel territorio comunale di Parabiago. Lì - per cause ancora in corso di accertamento - una Kawasaki Ninja con a bordo un ragazzo e una ragazza di 20 anni si è schiantata violentemente contro una 500 guidata da una donna di 31 anni. 

L'impatto, devastante, ha sbalzato a terra i due giovani e per Pietro Calogero - il guidatore del mezzo, residente a Nerviano - non c'è stato nulla da fare. All'arrivo dei soccorritori, intervenuti con tre ambulanze, un'auto medica e due elicotteri, il giovane era già morto. Gravissima l'amica che viaggiava come passeggera sulla motocicletta - B.B., anche lei 20enne e residente a Legnano -, che è stata trasportata all'ospedale San Gerardo di Monza in condizioni critiche. All'ospedale di Legnano è invece finita la 31enne che era alla guida della macchina, anche lei ferita in modo serio. 

I carabinieri della compagnia di Legnano, che hanno effettuato tutti i rilievi del caso, stanno aspettando di sentirla per ricostruire con esattezza la dinamica del tragico incidente. L'ipotesi, ancora da confermare, è che lo schianto sia stato causato proprio da una manovra azzardata - probabilmente una svolta - dell'auto, in un punto in cui sull'asfalto c'è la doppia striscia continua. La motocicletta e la 500, con i relativi documenti, sono già stati sequestrati dai militari. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

Coronavirus

Milano, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio: "Non è punizione". Le regole

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento