Shirley, la baby sitter morta nello schianto tra un pullman Atm e un camion Amsa a Milano

Chi era la vittima del tragico schianto di sabato mattina in viale Bezzi a Milano

Shirley, foto da Facebook

Era il suo giorno libero, era su quel bus per andare a trovare un amica. E su quel bus ha trovato la morte. È Shirley Calangi la vittima del tragico incidente avvenuto sabato mattina in viale Bezzi a Milano, dove si sono schiantati un filobus Atm - passato con il rosso all'incrocio - e un camion dell'Amsa. 

Shirl, come la chiamavano le amiche, era stata sbalzata fuori dal pullman ed era stata ricoverata in coma al Policlinico, dove poi è deceduta nella giornata di domenica. 

Video | Il tragico schianto tra bus e camion

Originaria di Manila, Shirley era arrivata in Italia nel 2007 da Mabini, mentre Angie - sua figlia 26enne - era rimasta in Patria. Nel Bel paese, la 49enne aveva trascorso un periodo a Messina da alcuni parenti prima di trasferirsi sotto la Madonnina, dove aveva lavorato anche come operaia. Quindi l'occupazione da baby sitter e da tata in una famiglia che ormai era diventata anche un po' la sua. 

Tra i tanti che domenica le hanno fatto visita in ospedale c'è stato anche il sindaco di Milano, Beppe Sala. "Shirley mi è stata dipinta da quanti a lei vicini come una donna straordinaria, grande lavoratrice e estremamente affidabile - le parole del primo cittadino -. Mi ha colpito in particolare il racconto della famiglia italiana presso la quale lavorava e dell’affetto che tale racconto esprimeva. Una storia come tante, una donna immigrata che svolgeva con dedizione uno di quei lavori che sembrano ormai destinati solo a queste persone che vengono da lontano".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Indagati i due autisti per omicidio stradale

"Sono profondamente addolorato e sono conscio di dover fare sempre tutto il possibile per garantire ai miei concittadini quelle condizioni di vita dignitosa e sicura che meritano - ha commentato il primo cittadino -. E di sentirmi pienamente responsabile quando ciò non avviene. A nome di Milano esprimo le più sentite condoglianze ai familiari e a tutta la comunità filippina".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: lockdown totale per Milano e la Lombardia? Fontana smentisce

  • Anche a Milano esplode la rabbia, rivolta anti Dpcm: molotov, bombe e assalto alla regione

  • Mara Maionchi ricoverata per coronavirus a Milano

  • Follia a Il Centro di Arese, fratelli aggrediscono i carabinieri: "Infame, adesso ti taglio la gola"

  • Coronavirus e coprifuoco Milano e Lombardia: si possono comprare alcolici ai supermercati dopo le 18

  • Coronavirus, ecco la nuova autocertificazione per uscire durante il coprifuoco in Lombardia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento