rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Incidenti stradali Dergano / Via Filippo Baldinucci

Vigile investito a Milano da un pirata della strada in via Baldinucci

Il grave episodio ha evidenti analogie con l'uccisione di Nicolò Savarino. Questa volta il vigile non è morto e il pirata è stato preso

Si è sfiorata una tragedia nel pomeriggio di mercoledì a Milano. Un agente di polizia locale è stato volontariamente investito da un pregiudicato che poi è fuggito senza prestare soccorso ma è stato rintracciato in poche ore e arrestato dagli investigatori della Locale. Per fortuna il vigile investito ha riportato la lussazione di una spalla.

Il grave episodio ha evidenti analogie con l'uccisione di Nicolò Savarino, il vigile milanese investito volontariamente da un nomade nel gennaio 2012 poi rintracciato dopo qualche tempo e arrestato. 

In questo caso sono bastate poche ore agli investigatori della Polizia locale per identificare l'auto partendo da un parziale numero di targa e arrivando poi nella cittadina dell'hinterland milanese, Senago, dove hanno bloccato l'uomo a casa della sorella. Si tratta di Michele C., di 31 anni, con precedenti per reati contro il patrimonio e in particolare per spaccio di droga che ora è stato arrestato per resistenza e lesioni e rischia anche l'accusa di tentato omicidio. 

Si tratta di un vigile di quartiere in bicicletta, come Savarino. L'agente, che era in compagnia di un collega come nel caso di un anno fa, è stato investito  perché si è parato davanti alla macchina del fuggitivo intimandogli l'alt. Ma il conducente, come nel caso avvenuto nel 2012 nel parcheggio delle ferrovie Nord Bovisa, ha accelerato e non ha esitato a travolgerlo per scappare. 

Erano le 14.15 quando i due agenti transitando in via Baldinucci (per ironia della sorte un luogo estremamente vicino a dove avvenne l'omicidio di Savarino) hanno notato l'auto guidata dal Michele C. aggirarsi lentamente perché il conducente stava parlando al telefonino. I due vigili gli si sono affiancati, quindi, per intimargli di chiudere la telefonata e per un controllo. Per tutta risposta, però, il conducente della vettura li ha platealmente mandati al diavolo dall'interno dell'abitacolo e ne ha travolto uno mentre l'altro é riuscito a scansarsi. 

Subito è scattato l'allarme e le indagini hanno portato in brevissimo tempo all'individuazione dell'auto, intestata a un uomo di 67 anni con precedenti per associazione a delinquere di stampo mafioso. I vigili hanno cominciato le indagini e hanno capito che non era il proprietario alla guida ma un altro uomo, anch'egli pregiudicato ma più giovane, che ha un'attività a Milano proprio in zona Dergano (il quartiere dove è avvenuto l'investimento) e dopo una serie di accertamenti tra Milano, Lissone e Senago lo hanno arrestato. 

La vettura, altra analogia con il delitto Savarino, era priva di assicurazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigile investito a Milano da un pirata della strada in via Baldinucci

MilanoToday è in caricamento