Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca Porta Nuova / Via Castelfidardo

Dodici ore di attesa in ospedale: infermiere preso a pugni e sputi da padre e figlio a Milano

È successo al Fatebenefratelli. Ferita anche una guardia giurata. La denuncia di Usb

Domenica di follia al pronto soccorso dell'ospedale Fatebefratelli di Milano, dove un infermiere è stato colpito da due uomini esasperati da una lunghissima attesa. 

A denunciarlo è Usb, che spiega: "Un operatore addetto al triage è stato aggredito a pugni e sputi da due cittadini  - padre e figlio – e minacciato di morte. Anche la guardia giurata, intervenuta a difesa dell’infermiere che nel frattempo si era chiuso dentro il locale del triage, ha subito una contusione alla spalla. La situazione ha richiesto l’intervento delle forze dell’ordine".

Stando a quanto riferito dagli stessi sindacati, l'infermiere e il medico in quel momento presente al pronto soccorso stavano assistendo un bimbo di quattro anni che si era ferito a un occhio con un forbice. 

"Ormai da tempo c’è un solo medico al pronto soccorso, invece dei due previsti dagli standard minimi - il j'accuse di Usb -. Anche la situazione degli infermieri è gravissima, dal momento che spesso un solo infermiere deve fare le operazioni di triage e inoltre assistere i medici nelle sale, condizione abbondantemente fuori da quanto previsto dalle regole".

"Rimangono la disperazione e la frustrazione di medici e personale sanitario, sempre in prima linea per garantire un servizio importante e necessario ai cittadini, ma che malgrado le tante segnalazioni - concludono dal sindacato - non ottengono risposte né dalla dirigenza aziendale né dagli amministratori della sanità regionale".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dodici ore di attesa in ospedale: infermiere preso a pugni e sputi da padre e figlio a Milano

MilanoToday è in caricamento