menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

Folle inseguimento a tutta velocità tra la Bergamasca e il Milanese: denunciati in 3

L'accaduto mercoledì pomeriggio. A fermarli i carabinieri di Crema. Il conducente non aveva mai conseguito la patente

All'alt dei carabinieri sono scappati ingaggiando un lungo inseguimento che ha attraversato diversi comuni della Bergamasca e del Milanese. Ma alla fine sono stati fermati a Cassano d'Adda (Mi) e denunciati. L'accaduto mercoledì 10 febbraio.

Tutto è iniziato ad Agnadello, provincia di Cremona, dove l'auto, una Volvo S60, invece di accostare si è data alla fuga. Il giovane conducente e i due passeggeri si sono diretti verso Milano a tutta velocità, mettendo in pericolo gli altri automobilisti. Nel frattempo in soccorso dei militari, della compagnia di Crema, sono arrivati altri reparti che hanno cercato di mettere fine alla folle corsa.

A Cassano i carabinieri sono riusciti a fermare il veicolo e hanno identificato le tre persone a bordo. È risultato che il conducente (destinatario di un ordine di espulsione della questura milanese) non aveva mai ottenuto la patente, l'auto era senza assicurazione e a bordo c'erano cacciaviti, torce elettriche e vario materiale per lo scasso.

A quel punto è scattata una denuncia sia per il conducente sia per i passeggeri: il primo un 21enne cubano clandestino in Italia, pregiudicato e domiciliato a Milano; gli altri due, un 21enne, nato in Argentina, residente a Milano e pregiudicato, e un 20enne, nato in Paraguay, residente in provincia di Monza.

Nei giorni scorsi un altro inseguimento, sempre tra Milano e Bergamo, che aveva visto anche la presenza di un bambino a bordo, si era concluso con uno schianto frontale, per fortuna senza feriti, e l'arresto del conducente. 



 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento