Ubriaco fradicio, finisce in un fosso dopo l'inseguimento con i carabinieri: arrestato

È successo a Senago, nel milanese. Nei guai un cittadino marocchino di 38 anni

L'auto nel fosso

Gli è bastato aprire bocca: e la zaffata di alcol che ha investito i carabinieri ha spiegato più di mille parole. Ubriaco perso, martedì pomeriggio un marocchino di 38 anni, disoccupato e senza fissa dimora, si è messo alla guida della sua auto, una Citroen Xsara grigia, a Senago. Ed è successo di tutto.

Il 38enne ha tentato di forzare un posto di blocco, accelerando di fronte all’ordine dei carabinieri che gli ordinavano di rallentare. Subito dopo ha imboccato la strada provinciale 119 e ha schiacciato l’acceleratore a tavoletta. I militari si sono gettati al suo inseguimento. Subito dopo ha preso una rotonda contromano in via Lombardia, ha perso il controllo dell’auto e — a causa dell’altissima velocità — è finito in un fosso. Ha proseguito la fuga a piedi, ma dopo cinquecento metri a perdifiato i carabinieri lo hanno bloccato.

Durante gli accertamenti sono iniziati i guai: il 38enne (cittadino marocchino) era privo di qualsiasi documento, patente compresa. E l’auto? Non era assicurata dal 2009. In compenso, l’uomo è risultato proprietario di altre 127 auto.

È stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e denunciato per guida in stato di ebbrezza ma non è stato possibile sequestrargli la patente che non aveva. L’uomo ha rifiutato di sottoporsi al test alcolemico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in viale Bezzi, schianto tra un filobus della 90 e un camion per la raccolta rifiuti

  • Clienti delusi dal villaggio di Natale di Milano, proteste sui social e richieste di rimborso

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • "Puoi spostarti?": ragazza prende a schiaffi un uomo sull'autobus Atm, ma lui è sordomuto

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

Torna su
MilanoToday è in caricamento