Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Intossicazione a Busto Arsizio: venti persone in ospedale

Una nube di glicole propilenico uscito da una cisterna: molta paura ma nessuna preoccupazione per la popolazione

Una ventina di intossicati a Busto Arsizio, tra persone che lavorano presso il centro intermodale, allo scalo merci Hupac. E' successo intorno alle cinque di giovedì mattina. L'intossicazione è dovuta alla fuoriuscita di tripropilenglicole (glicole propilenico), una sostanza largamente usata ad esempio per alcuni liquidi di sigarette elettroniche, per il fumo artificiale nelle discoteche, come additivo alimentare (sigla E1520), nei disinfettanti per il corpo, come ingrediente per le bolle di sapone e per gli olii da massaggi, ma soprattutto come solvente in molti prodotti farmaceutici.

Il glicole propilenico è uscito da uno squarcio di una cisterna. Nessun serio allarme né per i lavoratori né per il resto della popolazione, che tuttavia (per precauzione) è stata invitata a non uscire di casa. Un punto di accoglienza è stato allestito a Busto, nella stazione dei vigili del fuoco, con medici, sanitari e volontari della protezione civile. La ventina di persone coinvolta è stata portata in ospedale per accertamenti.

La gente se n'è accorta avvertendo un odore fortissimo e a tratti insopportabile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intossicazione a Busto Arsizio: venti persone in ospedale

MilanoToday è in caricamento