menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La scoperta dei carabinieri

La scoperta dei carabinieri

Finge di essere stata rapita e violentata per stare col fidanzato

Una 17enne aveva riferito che il giorno della scomparsa era stata rapita e portata a Sarnico e qui tenuta sotto sequestro in un appartamento

Ha trascorso più di venti giorni con il fidanzato, poi è rientrata a casa e ha riferito di essere stata sequestrata e violentata. Ma il racconto della ragazza, 17 anni di origini marocchine e residente nella Bassa bergamasca, è stato smontato dai carabinieri, che l'hanno denunciata, grazie alle intercettazioni telefoniche.

La denuncia di scomparsa della minore da parte della madre risale al 2 maggio scorso, dopo tre giorni di assenza. La 17enne, rientrata il 28 maggio, ha riferito che il giorno della scomparsa era stata rapita da due stranieri che l'avevano poi portata a Sarnico e qui tenuta sotto sequestro in un appartamento.

In questa casa era stata poi violentata ripetutamente. Sempre secondo le sue parole, era coinvolto anche il patrigno, anche lui marocchino, ritenuto mandante degli altri due. Per rendere il suo racconto credibile, si era inferta ferite ai polsi.

Ma i carabinieri hanno indagato e scoperto, grazie alle intercettazioni, che la ragazza aveva trascorso tutto il tempo a casa del fidanzato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento