Largo Treves, irruzione degli "sfrattati". Moioli: "Risolveremo tutto"

Irruzione negli uffici comunali di largo Treves di alcuni rappresentati del Comitato abitanti San Siro. L'assessore Moioli: "Risolveremo le questioni in privato, assurdo incontro pubblico"

L'assessore alla Famiglia, Scuola e Politiche sociali Mariolina Moioli ha incontrato una delegazione del Comitato Abitanti San Siro che ha fatto irruzione negli uffici comunali di largo Treves 1 (nella foto). «Per prima cosa vorrei ringraziare le forze dell'ordine e la Digos che hanno evitato che la situazione degenerasse», dichiara l'assessore.

«Della delegazione facevano parte persone non ben identificate - spiega Moioli -. Ho ho chiesto di incontrare persone che erano state sfrattate per verificare le reali situazioni di bisogno. Delle persone che ho incontrato nessuna era stata sfrattata. Tra di loro c'era anche un rappresentante del centro sociale Il Cantiere».

«La competenza del mio Assessorato - continua Moioli - riguarda l'aiuto alle persone in difficoltà, infatti i miei uffici hanno verificato la situazione di tre persone che hanno presentato il proprio caso concreto contestualmente alla protesta. Due di questi casi hanno manifestato situazioni di difficoltà abitativa e lavorativa che verranno subito prese in carico dai nostri servizi, a cui non si erano mai rivolti in precedenza. Mi hanno rivolto 10 domande che fanno riferimento a fatti che non corrispondono alla realtà. Mi hanno chiesto un incontro pubblico, ma i problemi delle famiglie vanno risolti singolarmente, caso per caso, e con grande attenzione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Nelle nostre comunità - prosegue l'assessore - ci sono ancora posti. Da sempre è nostra preoccupazione non separare le famiglie, in particolare le mamme con i bambini, cercando la migliore soluzione di ospitalità. È da chiarire che non tutte le comunità offrono lo stesso servizio e sono strutturate per lo stesso tipo di accoglienza». «I problemi sollevati oggi - conclude - sono stati presentati in modo strumentale. È grave che l'Assessorato abbia subito l'assalto di 15 manifestanti, alla presenza di 10 giornalisti. È di tutta evidenza la costruzione intenzionale del blitz».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta in moto contro un pullman di linea: turista milanese muore sul Lago Maggiore

  • Lotto, doppia vincita record a Cassano Magnago: due quaterne da oltre 400mila euro

  • Coronavirus, la Lombardia cambia le regole: nuove norme per obbligo mascherine e mezzi pubblici

  • Milano, "blitz" del maltempo: attesi temporali forti, scatta l'allerta della protezione civile

  • Meteo, temporali forti a Milano: allerta arancione della protezione civile

  • Milano, ragazza molestata fuori dall'ospedale: un 23enne arrestato per violenza sessuale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento