Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Isis, nei covi dei miliziani "nomi di persone che sono nel Milanese"

I documenti degli 007 libici: alcune combattenti per lo stato islamico avrebbero base a Milano e provincia. Innalzato il livello d'attenzione

Terroristi arrestati

Nel covo dell'Isis (Stato islamico) a Sirte (Libia), nelle scorse ore zona di una violenta controffensiva, gli uomini dei servizi segreti libici avrebbero trovato nomi e piani d'attacco di militanti jihadisti che hanno come base il Milanese. Le autorità italiane avrebbero innalzato il livello d'attenzione. 

Tra questi, anche Abu Nasim, che viveva in Lombardia ed è considerato vicino ai rapitori dei tecnici della Bonatti sequestrati lo scorso anno vicino a Tripoli. I libici si sono detti pronti a consegnare i nomi alle forze dell'ordine italiane. Secondo le fonti libiche citate dal Corriere della Sera, "decine, se non centinaia di militanti" dell'Isis sarebbero partiti dalla Libia alla volta dell'Europa, facendo tappa in Italia, infiltrati tra le masse di disperati a bordo dei barconi del traffico illegale di migranti. 

A Sirte i servizi segreti libici hanno trovato appunti, taccuini scritti a mano, fogli volanti, che ora si sta cercando di decifrare e mettere insieme, e che potrebbero contenere la prova che le minacce dell'Isis di "approdare a Roma" non siano solo propaganda.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Isis, nei covi dei miliziani "nomi di persone che sono nel Milanese"

MilanoToday è in caricamento