rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca

Più aree pedonali e cultura nelle strade per rilanciare la città

E' questa la ricetta pensata da Italia Nostra e Milanosimuove per restituire la città di Milano ai cittadini. Per partecipare al referendum c'è tempo fino al 6 novembre. Bisogna recarsi in via Pellico, 1 dal lunedì al venerdì dalle ore 14 alle 18

"Meno auto e più spazio per le persone”, è l’imperativo a cui rispondono le 3 proposte illustrate martedì mattina nella sede di Italia Nostra da Marco Parini e Jacopo Gardella (Italia Nostra) assieme a Edoardo Croci e Carlo Montalbetti (Milanosìmuove). Ridurre l’imposta di occupazione del suolo per i bar e i locali situati nelle aree pedonalizzate, riportare la cultura nelle strade con percorsi studiati  e organizzare iniziative per i più piccoli: questa la formula, secondo Italia Nostra e Milanosìmuove. E il risultato? Aiutare i cittadini a riappropriarsi degli spazi di Milano, “Proprio come accade in tutte le città europee, anche in quelle fredde del nord – ha commentato Parini – Non è una questione di clima, il fatto è che qui ci sono zone che diventano deserte, anche in pieno centro e che attraverso le nostre proposte potrebbero essere rivitalizzate, un esempio può essere la zona attorno a piazza Affari, ma a Milano ce ne sono molte, e non solo in centro”.

Gente, famiglie, giovani e soprattutto bambini, “Vogliamo riportarli nelle strade – ha annunciato Parini – Questa iniziativa si affianca alle proposte già contenute nei referendum che hanno come obiettivo la riduzione del traffico e dell’inquinamento e l’aumento del verde urbano. Noi però per Milano chiediamo di più: un vero e proprio cambiamento del modello di vita nel centro di Milano, per i cittadini, per chi ci lavora e anche per i turisti, per questo oggi presentiamo queste tre proposte”.

“Le esperienze all’estero parlano chiaro” a sentire Edoardo Croci che, ricordando “Le aree pedonalizzate programmate, progettate e poi dimenticate”,  ha affermato, “E’ questa la via da percorrere anche per Milano, non solo per la riduzione del traffico e dello smog ma ci sono numeri che parlano di miglioramento della sicurezza stradale, meno stress e più shopping. Per quanto riguarda, ad esempio, l’aumento degli affari nelle aree pedonali si è riscontrato +30% a Colonia, + 32% a Copenhagen, +40% a Monaco, +15% a Vienna”.

Brera è stata una delle prime ad essere citate dall’ex-assessore e padre di Ecopass, anche per la ricchezza storico culturale che porta con sé, ma ci sono anche aree da rivalutare come la Milano romana e la zona di piazza Beccaria – Fontana, senza trascurare le vie dello shopping e della movida “Che ne trarrebbero sicuramente beneficio – ha commentato Croci - Via Spiga, come via Condotti a Roma, ad esempio: quasi l’80% tra cittadini e negozianti sembrano essere d’accordo con la pedonalizzazione di quell’area” .

All’appello non sono mancate aree quali il quadrilatero della moda e i Navigli, e le zone attorno alle  Università: “Milano non ha un vero e proprio polo universitario  - ha aggiunto Croci - Sicuramente le vie attorno a Città Studi, alla Cattolica e alla Bocconi potrebbero però diventare pedonali offrendo agli studenti anche maggiori possibilità di aggregazione”.

Montalbetti, dichiarando l’obiettivo di raddoppiare le zone pedonali cittadine, è tornato a sottolineare il primo dei provvedimenti proposti per restituire la città ai pedoni: “E’ necessario che l’amministrazione preveda di ridurre la tassa di occupazione sul suolo pubblico per gli esercizi commerciali di queste zone – ha precisato -  E’ l’unico modo per favorire le attività e non parlo solo di shopping ma anche di iniziative di tipo ricreativo e rivolte ai giovani, come a tutti gli altri cittadini, bambini per primi: questo è fondamentale se si vuole fare in modo che le aree pedonali diventino vive e vivibili”.

Per partecipare al referendum lanciato da Italia Nostra e Milanosimuove per restituire la Milano ai cittadini c'è tempo fino al 6 novembre. Chi volesse firmare deve recarsi in via Pellico, 1 dal lunedì al venerdì dalle ore 14 alle 18.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più aree pedonali e cultura nelle strade per rilanciare la città

MilanoToday è in caricamento