menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Milano, killer 17enne si nasconde a casa dello zio: arrestato dopo cinque mesi di latitanza

Il giovane era scappato dallo zio a Milano. L'omicidio lo scorso 20 ottobre a Santiago, in Cile

Dopo quell'omicidio, quell'esecuzione, aveva fatto perdere le proprie tracce. Era scappato a Milano, sicuro dell'appoggio di suo zio e certo di riuscire a restare un fantasma per sempre. Ma non aveva fatto i conti con il fiuto e la tenacia degli investigatori. 

Un ragazzo di 17 anni, un giovane cileno, è stato arrestato nella notte tra giovedì e venerdì a Milano per un ordine di cattura emesso dal 12° Tribunale di Garanzia di Santiago del Cile per i reati di omicidio premeditato e tentato omicidio in concorso.

Lo scorso 20 ottobre 2019, stando a quanto accertato dalle autorità del suo paese, lui e un complice - un 31enne che aveva materialmente aperto il fuoco - avevano raggiunto tre donne in strada a Santiago e avevano ucciso Paulina Bel Pinto Portuguez con un colpo alla nuca e ferito una sua amica a una gamba. 

Poco dopo la follia, il 17enne era fuggito ma gli investigatori della Direzione Centrale della Polizia Criminale e i poliziotti del commissariato di Lambrate sono riusciti a localizzarlo a casa di suo zio, un uomo noto per i suoi precedenti. Alle 2.30 gli agenti si sono presentati nell'abitazione dell'uomo - in via Civitavecchia - e hanno arrestato il 17enne. Lo zio, indagato per favoreggiamento, ha riferito ai poliziotti che l’omicidio era nato per motivi passionali. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento