Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Inchiesta Montecity: la condotta di Grossi non è legata alla Sadi

La Sadi si dissocia da Giuseppe Grossi, il re delle bonifiche arrestato qualche settimana fa per un giro di fatture gonfiate. La società precisa che “Le condotte attribuite (a Grossi) non sono state poste in essere nell'interesse o a vantaggio di Sadi Servizi Industriali"

Giuseppe Grossi, il re delle bonifiche arrestato due settimane fa, ormai è persona poco gradita, anche alla sua stessa società.

In una nota infatti, l’azienda sottolinea che “Le condotte attribuite (a Grossi) non sono state poste in essere nell'interesse o a vantaggio di Sadi Servizi Industriali o di società ad essa afferenti”.

L’azienda, quotata a Piazza Affari, ha precisato di essersi “attivata al fine di verificare eventuali coinvolgimenti di Sadi o di società da essa controllate, nella vicenda. In tale ottica l'azienda ha conferito allo studio legale Giarda l'incarico di effettuare una verifica incentrata sulla sussistenza o meno di problematiche”.

Per quanto riguarda il regolare svolgimento delle attività di Sadi, la nota ribadisce che l’operatività aziendale non è stata pregiudicata.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta Montecity: la condotta di Grossi non è legata alla Sadi

MilanoToday è in caricamento