Cronaca

Pronti a fuggire a Milano dopo raffica di furti in Svizzera: arrestati con lingotti d'oro e preziosi

Un'operazione della polizia cantonale della Svizzera e dei carabinieri di Chiavenna

Immagine di repertorio

Al momento dell'arresto erano in attesa di un treno che li avrebbe portati a Milano. Nascondevano un lingotto d'oro di cento grammi, cinquemila e duecento franchi svizzeri, nove orologi di lusso, due macchine fotografiche e vari monili in oro.

Un'operazione della polizia cantonale della Svizzera e dei carabinieri della Compagnia di Chiavenna ha portato al loro all'arresto. Sono quattro moldavi di età fra i 24 e i 31 anni, responsabili di numerosi furti commessi in Svizzera per i quali la Procura di Lucerna aveva emesso un mandato di arresto europeo.

Dopo l'ultimo colpo si erano dati alla fuga verso il confine italiano, abbandonando il furgone rubato e usato per muoversi nella Confederazione elvetica al valico di frontiera di Montespluga, in provincia di Sondrio. I fuggitivi, con il bottino, si sono fatti accompagnare in taxi come turisti qualsiasi di Pasqua a Chiavenna. Al termine delle ricerche sono stati bloccati all'interno di un bar della cittadina della Valchiavenna mentre facevano colazione in attesa del treno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pronti a fuggire a Milano dopo raffica di furti in Svizzera: arrestati con lingotti d'oro e preziosi

MilanoToday è in caricamento