Mercoledì, 29 Settembre 2021
Cronaca Cenisio Monumentale / Via Grigna

Sorpreso di notte mentre lanciava pietre sotto casa della ex: preso

Il 20enne perseguitava la ragazza da mesi pedinandola e inviandole messaggi

Un ragazzo che alle 4 di notte lanciava pietre contro la casa dell'ex fidanzata. Questa la situazione riferita ai carabinieri della compagnia Duomo, intervenuti sul posto, in via Grigna (zona Ghisolfa), il 17 agosto su segnalazione della ragazza. Il giovane, un 20enne filippino, vedendo i militari arrivare ha tentato la fuga, ma è stato preso e arrestato per atti persecutori.

Il lancio dei sassi era infatti solo l'ultimo di una serie di vessazioni che il giovane aveva perpetrato nei confronti dell'ex ragazza, una studentessa kazaka di 18 anni. Da quanto si erano lasciati pochi mesi prima, dopo circa un anno di relazione, il filippino continuava a inviarle insistentemente messaggi, nonché a pedinarla. 

I due ragazzi, nel corso della stessa notte, avevano già litigato una prima volta, verso l'una, nella stazione di Garibaldi, attirando l'attenzione dell'esercito, che aveva allertato i carabinieri. Ma il 20enne era riuscito a scappare prima del loro arrivo. Alle 4 di notte, però, era tornato a perseguitare l'ex fidanzata lanciando, appunto, delle pietre contro il suo stabile.

Lei a quel punto era scesa in strada per calmarlo - atteggiamento, ricordano i militari, assolutamente da evitare in quanto potenzialmente molto pericoloso - e il ragazzo aveva iniziato a strattonarla. Quando i carabinieri sono sopraggiunti, il 20enne ha cercato di scappare, ma è stato inseguito e tratto in arresto. La ragazza, che non è ricorsa a cure mediche, è stata convinta a sporgere denuncia nei suoi confronti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sorpreso di notte mentre lanciava pietre sotto casa della ex: preso

MilanoToday è in caricamento