menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Trivulzio

Trivulzio

Larve di mosca nelle piaghe della gamba al Trivulzio

L'indagine interna sta per concludersi. Il fatto ad agosto. Vittima una donna di 97 anni

Sta per chiudersi il caso dell'anziana trovata al Trivulzio con larve di mosca all'interno di piaghe alle gambe. L'indagine disciplinare è in via di conclusione. L'episodio il 26 agosto, quando il figlio (peraltro medico) della paziente, una 97enne, aveva avvisato l'azienda sanitaria, dopo avere scoperto le condizioni dell'anziana madre. L'uomo la trasferì subito alla casa di riposo Don Orione di Bergamo, dove la donna è morta dopo una settimana.

In ospedale vogliono fare piena luce su un episodio che ha dell'incredibile, soprattutto visto che il Trivulzio è considerato un'eccellenza in questo tipo di patologia. Il primario di geriatria riabilitativa, Paolo De Luca, dichiara a "Repubblica" che "sembra evidente che chi avrebbe dovuto cambiare la medicazione non lo ha fatto": le larve sono infatti cresciute sotto le garze di una medicazione lasciata lì per chissà quanto tempo.

Anche il direttore sanitario dell'ospedale, Massimo Monti, parla di "fatto gravissimo che non passerà impunito". Gli infermieri temono però che la dirigenza del Trivulzio stia per "scaricare" la responsabilità su di loro. "In agosto - dicono - un infermiere deve gestire trenta e più pazienti". Tesi questa smentita da De Luca, che sempre su "Repubblica" ribatte che la consistenza del personale paramedico in quei giorni sarebbe stata la stessa di sempre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento