Cronaca

Arrestato in Spagna Massimiliano Cornegliani: narcos latitante del Milanese legato a mafia e 'ndrangheta

L'uomo, 51 anni, è stato trovato a Valencia. Già avviate le procedure di estradizione

Guardia Civil (da Flickr)

È stato arrestato il latitante Massimiliano Cornegliani, narcotrafficante legato agli ambienti della criminalità organizzata. L'uomo, in fuga dal 2017, è stato trovato a Valencia ed è finito in manette nella tarda serata di martedì 13 agosto grazie a un'operazione congiunta della Guardia civil, di Interpol e dei carabinieri di Corsico.

Cornegliani deve scontare una condanna a sette anni per i reati di traffico di stupefacenti ed estorsione. Fino al 2017 si trovava agli arresti domiciliari a Trezzano sul Naviglio, poi si era reso irreperibile, vivendo come latitante in Spagna e Olanda. Per questo risultava destinatario di un mandato d'arresto europeo emesso dal Tribunale di Lodi.

Il 'narcos', 51 anni, risulta vicino, anche per legami familiari (è cognato di Musicò Antonino condannato per 416 bis nell'inchiesta 'Duomo Connection') ad ambienti della mafia e 'ndrangheta, attivi nel Milanese a Cesano Boscone, Corsico e Trezzano sul Naviglio. In accordo con le autorità spagnole, sono già state avviate le procedure di estradizione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestato in Spagna Massimiliano Cornegliani: narcos latitante del Milanese legato a mafia e 'ndrangheta

MilanoToday è in caricamento