Cronaca Corvetto / Via Bessarione

Impiega lavoratori in nero e li controlla con la telecamera: barista multato e sospeso

Lo scoprono i carabinieri durante un controllo straordinario a Milano

E' stato sorpreso nel suo bar a impiegare tre lavoratori in 'nero'. E uno di questi è irregolare in Italia. Non solo: aveva anche installato una video camera di sorveglianza negli ambienti di lavoro, contravvenendo alla legge perché non aveva un'autorizzazione specifica per farlo. 

Lo hanno scoperto i carabinieri di Milano nella serata di venerdì 30 luglio durante un intenso controllo del territorio nel quartiere di Corvetto, precisamente in via Bessarione. Il titolare del bar, un egiziano di 48 anni, è stato multato per 11.500 euro e gli è stata sospesa 'sine die' l'attività imprenditoriale.

Al controllo (esteso in via Bessarione, piazzale Gabriele Rosa, piazzale Corvetto, via Polesine, via Angilberto, via dei Cinquecento e via San Dionigi) hanno partecipato i carabinieri di tre compagnie milanesi (Vigentino, Porta Monforte e Porta Magenta), l'ispettorato del lavoro di Milano, i carabinieri cinofili di Casatenovo e gli elicotteri di Orio al Serio. 

Durante le fasi di controllo, un quindicenne ha chiesto aiuto ai militari perché poco prima, in corso Lodi, era stato rapinato da due coetanei della catenina d'oro e della sigaretta elettronica: dopo qualche ricerca, i carabinieri hanno individuato i responsabili (un quindicenne e un diciassettenne) nel campo rom di via Vaiano Valle, denunciandoli e recuperando la refurtiva. Nello stesso campo rom, in un'auto parcheggiata, è stato anche trovato un borsone con 3,8 chili di marijuana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impiega lavoratori in nero e li controlla con la telecamera: barista multato e sospeso

MilanoToday è in caricamento