rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Le maestre d'asilo contro il bando del Comune

520 educatrici rischiano il posto di lavoro per la privatizzazione di alcuni asili nidi. Il Comune vuole tagliare i costi di gestione di questi servizi del 30%. Maestre sul piede di guerra ieri in Piazza della Scala. I genitori preoccupati, dalla loro parte

Sono 520 le educatrici degli asili nidi milanesi che entro fine mese potrebbero perdere il posto di lavoro. Questo a causa di un bando di concorso, con scadenza il 21 luglio, che il sindaco ha messo in piedi per appaltare a delle strutture private alcuni degli asili comunali cittadini.

Per la stessa cifra degli anni scorsi, in sostanza, le cooperative private che gestiranno gli asili si dovranno occupare anche della ristorazione e della manuntezione, oneri di solito di competenza di altre ditte. Tutto questo si tradurrà per gli insegnanti in tagli dei salari e in licenziamenti.

Gli insegnanti sono sul piede di guerra e già da ieri sono scesi in piazza. Tre sono le cose che chiedono: gli stessi livelli di retribuzione dell’inverno scorso, stabilizzazione e soprattutto nessun licenziamento.

Le educatrici e gli educatori del nido si sentono del tutto ignorati dalla pubblica amministrazione: ieri infatti, il consiglio comunale che doveva essere dedicato proprio al problema degli asili nido è saltato perché in aula mancava il numero legale e i rappresentanti sindacali che ieri manifestavano in Piazza della Scala, davanti al Comune, non sono nemmeno stati ricevuti dal sindaco Moratti.

Solo l’opposizione si è offerta di incontrare una delegazione di insegnanti. Dalla parte delle educatrici ci sono anche i genitori, preoccupati dal possibile calo della qualità del servizio che i loro piccoli potrebbero subire a settembre, quando ricominceranno le scuole.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le maestre d'asilo contro il bando del Comune

MilanoToday è in caricamento