Lele Mora rapinato di 40mila euro nel campo rom: "Ecco perché non ho denunciato"

Pure essendo vittima, l’ex manager dei vip ha preferito non dire nulla per via delle indagini in corso

Lele Mora

Lele Mora, l’ex talent scout e manager dei vip, a maggio scorso è stato rapinato in un campo rom alla periferia sudovest di Milano dove era entrato in compagnia di un pregiudicato, con 40 mila euro in tasca, per acquistare una partita di champagne.

La vicenda è stata scoperta casualmente dalla polizia che stava indagando su un altro caso, non avendo lui denunciato l’accaduto. Adesso, in un’intervista rilasciata a Giuseppe Guastella per il Corriere della Sera, Mora racconta i dettagli della storia e spiega di essersi comportato da ingenuo nella gestione della questione.

Lele Mora derubato in un campo rom: "Sono stato un ingenuo"

I motivi per cui Lele Mora non ha denunciato quello che gli era accaduto nel campo rom milanese li ha spiegati nell’intervista al Corriere.
“Perché, come si vede dal risalto che sta avendo questa storia, se faccio un goccio di pipì fuori dal water è come se avessi allagato l’Italia”, ha dichiarato: “Avevo paura che il fatto mi si ritorcesse contro”. 

Pure essendo vittima, l’ex manager dei vip ha preferito non dire nulla per via delle indagini in corso: “Sono andato lì convinto di incontrare un grossista di champagne, invece mi sono trovato in un campo rom dove mi hanno rapinato. Ho preferito dare i soldi che rischiare qualche colpo di pistola”, ha affermato ancora.

La paura, ammette, è stata tanta: “Un grande spavento, ho tremato per una settimana intera. Ho rivissuto la rapina che avevo subito nel ‘98, quando in due mi hanno aspettato in casa e appena sono entrato mi hanno puntato una pistola contro. Hanno preso i soldi e i ricordi di famiglia. Momenti drammatici”.

“A volte si presentano delle occasioni dovute a persone che comprano stock di merce a prezzi bassissimi e poi la rivendono. Pensavo si trattasse di questo, che avrei potuto fare un po’ di soldini. Sono stato un ingenuo”, ha confidato Mora, oggi lontano dalla vita lussuosa.

Lele Mora oggi, cosa fa oggi: il nuovo lavoro in Albania

Dopo le vicende giudiziarie passate – è stato condannato per bancarotta e per il caso Ruby – Lele Mora oggi si dice “sereno e felice”. Lavora per Top Channel in Albania, una tv  - spiega - che copre l’intera Albania, la prima privata, per la quale propone programmi di intrattenimento e giornalistici. Lì  “Invece di comprare i format, ha comprato Lele Mora che da 40 anni fa tv e ha inventato grandi programmi di successo”, il suo commento.

“Faccio ciò che mi piace fare”, ha detto ancora Mora che afferma di non poter lavorare in Italia per la condanna per bancarotta e fallimenti, a differenza dell’Albania che è fuori dall’Unione Europea Albania, dove – dice – “si vive bene, si spende poco e sono trattato come un signore”.

Ma le attività lavorative di Lele Mora non si fermano certo qua. Lele Mora, infatti, sta curando le pubbliche relazioni in Bulgaria nel lancio del marchio di una banca ‘top secret’, e ora si trova in Puglia, a Barletta, dove fa il consulente per alcuni imprenditori che producono scarpe in Albania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

Torna su
MilanoToday è in caricamento