Cronaca Greco / Via Antoine Watteau

Leoncavallo, il Comune ci riprova. Maran: "Partiamo dallo scambio di aree"

La giunta Sala riapre il confronto sulla regolarizzazione del Leoncavallo ma i Cabassi stoppano

Il Leoncavallo

Ogni assessore all'urbanistica del Comune di Milano sa che, sul suo tavolo, magari non tra i primi dossier là in alto sulla pila, troverà quello del Leoncavallo: il centro sociale di via Watteau, sorto quarantatré anni fa (da un'altra parte), occupa uno stabile del gruppo Cabassi e dunque è formalmente "illegale", ma è anche un punto di riferimento consolidato nella vita culturale della città.

Ora Pierfrancesco Maran (assessore all'urbanistica da quasi due anni) sarebbe intenzionato a riproporre la questione, partendo dall'ultima proposta della giunta precedente, quella di Giuliano Pisapia: uno scambio di aree. Palazzo Marino acquisirebbe l'edificio del Leoncavallo, in cambio il gruppo Cabassi si accollerebbe un'ex scuola nel quartiere Taliedo (via Zama) e una palazzina in via Trivulzio (zona De Angeli), entrambi da mettere a posto. Una proposta che non fu mai portata in consiglio comunale perché giudicata, da alcune parti della vecchia maggioranza, un regalo ai costruttori.

Video: Riccardo De Corato visita il Leoncavallo

Ora Basilio Rizzo (il principale "oppositore interno") non è più in maggioranza e quindi, forse, la cosa si potrebbe fare. Ma è il gruppo Cabassi a non gradire più e a voler semplicemente riottenere l'area occupata, per far nascere un polo di servizi e terziario. O forse, semplicemente, per far capire al Comune che è tempo di agire: un'altra soluzione potrebbe essere quela di trasferire diritti di volumetrie da un'altra parte, sempre in una proprietà di Cabassi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Leoncavallo, il Comune ci riprova. Maran: "Partiamo dallo scambio di aree"

MilanoToday è in caricamento